Home Cacao & Cioccolato Alla scoperta...

Alla scoperta dei super benefici del cacao che la scienza conferma

La scienza conferma: il cacao ha numerosi benefici che sono riconosciuti sin dai tempi degli Atzechi. Aiuta nel lavoro, allontana l'invecchiamento, rende piccante la vita sessuale. Scopriamo tutti gli effetti che sono stati riscontrati dalla ricerca

cacao

MILANO — Originario del Centro America, il cacao nasce da un albero sempreverde che produce un frutto oblungo. Contenente al proprio interno fino a quaranta fave.

Gli Aztechi furono una delle prime popolazioni a scoprirlo e a sperimentarne le molteplici proprietà.

Cacao: la storia attraverso la cultura

Lo consideravano addirittura un dono divino. Inoltre, rappresentava una merce di scambio potentissima. Nonché la materia prima con cui preparare un magico elisir per assicurarsi il potere e la saggezza degli dei, vigore fisico nel combattimento, prestanza sessuale, longevità.

CARTE DOZIO
FRANKE

Il loro Xocolatl era una bevanda secca, polverosa, amara e speziata. Preparata con una miscela di fave pestate, peperoncino, cardamomo e pepe.

Si dice che il re Montezuma ne bevesse fino a cinquanta tazze al giorno.

Ebbene: a distanza di migliaia di anni, quei “poteri straordinari” che gli Aztechi attribuivano al cacao restano validi ancora oggi. Non solo: recenti ricerche scientifiche li hanno persino confermati.

Dà vigore fisico

I semi di cacao possiedono un elevato valore energetico: contengono cromo, ferro, vitamina C, omega 6 e fibra. L’alta concentrazione di magnesio aiuta inoltre a regolare la pressione, rafforzare il sistema immunitario.

Soprattutto, a mantenere attivi i muscoli e il sistema nervoso. Il cacao è anche in grado di favorire la produzione di serotonina, un’ammina che funge da anti-stress e da stimolante della muscolatura liscia.

Favorisce la longevità

Grazie a un potere antiossidante fra i più elevati in assoluto, il cacao contrasta il processo di invecchiamento delle cellule a livello fisico e cerebrale.

È infatti particolarmente ricco di flavonoidi. I composti chimici che proteggono il corpo dall’ossidazione cellulare, principale causa dell’invecchiamento. I flavonoidi sono noti anche per la capacità di determinare un aumento del flusso sanguigno cerebrale.

Rende più saggi

Il consumo di cacao risulta strettamente collegato all’aumento delle performance mentali. Lo ha messo in luce uno studio riportato sulla rivista Appetite.

Il cacao migliorerebbe la memoria spazio-visuale e organizzativa, aiuterebbe nel lavoro, nella scansione e monitoraggio. Nonché nel ragionamento astratto.

Merito, in particolare, dei flavonoidi in esso contenuti, che agiscono da “killer” dei radicali liberi e, secondo gli ultimi dati raccolti, sono capaci anche di migliorare le capacità cognitive.

Il cacao è anche ricco di triptofano. Un aminoacido che viene trasformato dal corpo in serotonina. La sostanza che regola il buonumore e determina un miglioramento dell’equilibrio nervoso.

È un afrodisiaco naturale

Proprio così: anche la naturale capacità di risvegliare i sensi, notoriamente attribuita al cacao, ha trovato fondamento nella realtà.

Il cacao contiene la metilxantina. Sostanza che agevola e velocizza la trasmissione degli impulsi nervosi. In più possiede un’alta presenza di zinco, minerale che aiuta l’eccitazione maschile. Non solo: il cacao ha anche un’azione stimolante sul piacere femminile.

Secondo una ricerca realizzata in Italia, il suo consumo, nelle donne, favorisce l’aumento della soddisfazione sessuale. La ragione starebbe nel fatto che contiene feniletilamina. Un ormone della classe delle anfetamine, dall’effetto lievemente euforizzante.