Home Catene di caffetterie Howard Shultz...

Howard Shultz pranza nello store di San Babila mentre Starbucks apre pure a Malpensa

La cartellonistica che annuncia il nuovo locale

MILANO – Mentre il fondatore di Starbucks Howard Schulz pranzava sabato a mezzogiorno nel locale appena aperto di Piazza San Babila (Via Durini), il colosso mondiale delle caffetterie ha messo a segno o taglio del nastro per Starbucks in Italia. Dopo Milano, il gigante americano ha aperto giovedì 29 novembre la caffetteria di Malpensa. Strategicamente collocata al Terminal 1, il locale all’interno dello scalo lombardo è il terzo di Percassi, partner licenziatario unico per l’Italia di Starbucks.

L’offerta è in linea con quella dei due locali di corso Garibaldi e Piazza San Babila (via Durini): non manca l’iconico Frappuccino assieme al resto dell’offerta di caffetteria e pasticceria/gastronomia. Il tutto in un ambiente molto più curato e personalizzato rispetto agli allestimenti consueti negli aeroporti di tutto il mondo.

“Abbiamo accolto con umiltà la calorosa accoglienza che gli italiani ci hanno riservato con la Reserve Roastery, a settembre” ha dichiarato al Sole24Ore Martin Brok, Presidente Starbucks Europe, Middle East e Africa.

È stato importante per noi arrivare a Milano rendendo omaggio alla ricca tradizione dei bar e caffè italiani. E, allo stesso tempo, celebrando tutto ciò che abbiamo appreso sull’arte e la scienza della tostatura del caffè durante questi 47 anni dell’azienda. Oggi facciamo un passo avanti nel nostro viaggio in Italia, portando l’esperienza Starbucks a molti più consumatori di Milano, che potranno rilassarsi e gustare un delizioso caffè in un ambiente accogliente”.

Creati centinaia di posti di lavoro

«La nostra ambizione è di riuscire ad aprire tra i 10 e i 15 nuovi punti vendita all’anno nei prossimi anni nelle maggiori città italiane»; ha detto invece Roberto Masi, Managing Director Starbucks Italia.

Con le nuove aperture sono stati assunti circa 100 collaboratori. Che assieme a quelli della Reserve Roastery compongono un team di oltre 400 persone. Numerose altre assunzioni saranno fatte nei prossimi mesi, offrendo non soltanto opportunità di impiego, ma anche di formazione e crescita professionale.