Home Catene di caffetterie E Starbucks e...

E Starbucks eleva la qualità del suo caffè solubile, con la nuova linea premium

Blonde, Medium e Dark. Il primo è caratterizzato da un aroma dolce, brillante complesso. Il Medium è realizzato con varietà dell’America Latina, con note di cioccolato al latte e frutta secca. Il Dark è più potente e intenso, con aromi di tostato e richiami al cioccolato fondente

caffè solubile premium starbucks
La novità Starbucks

MILANO – Per tanto tempo quando si è parlato di caffè solubile lo si è subito collegato a una bevanda di bassa qualità. E ora che siamo tutti più o meno costretti a fare pause caffè casalinghe causa smartworking, alcuni potranno apprezzare la novità servita da Starbucks: la linea premium di caffè solubile che non scende a compromessi sulla qualità in tazza. E in più, è istantaneo.

Caffè solubile: Starbucks lo fa, ma premium

Siccome siamo diventati tutti un po’ i baristi presso noi stessi nell’ultimo anno e mezzo, le vendite di caffè solubile si sono accese di conseguenza. Secondo i dati raccolti da Starbucks, sono aumentate del 12,5% ogni anno dal primo lockdown. La catena di caffetteria allora ha voluto scendere in campo con il suo know-how e trasformare questo prodotto in uno premium.

“Non dovrete scegliere tra convenienza e gusto con il caffè solubile premium di Starbucks. Che rende semplice fare un salto di qualità nella tazza quotidiana sorseggiata nella sicurezza delle proprie case. Questo ha dichiarato Starbucks alla rivista Thrillist. ”Questo perché è stato creato con gli stessi grani di alta qualità usati nelle miscele delle caffetterie”.

La nuova proposta esiste in tre varianti

Blonde, Medium e Dark. Il primo è caratterizzato da un aroma dolce, brillante complesso. Il Medium è realizzato con varietà dell’America Latina, con note di cioccolato al latte e frutta secca. Il Dark è più potente e intenso, con aromi di tostato e richiami al cioccolato fondente. Il prezzo è di 8,4 euro (9,99 dollari) per una confezione da circa 100 grammi, e le tre proposte sono disponibili online.

L’articolo completo in inglese, a questo link.