Home Gelato Altro che ins...

Altro che insalatina: in smart working, va bene il gelato salutare Perfecto

"Per noi fornitori di ristoranti e bar-bistrot con il lockdown temevamo il peggio e invece a novembre abbiamo registrato gli stessi ordini di settembre, oltre a consistenti vendite nella Gdo e nel delivery, grazie al nostro gelato di nuova concezione la cui particolarità è una forte riduzione della quantità degli zuccheri e grassi aggiunti e un bilanciamento di quelli naturalmente presenti con materie prime di altissima qualità ricche di fibre e senza conservanti". A dirlo è Daniele Frasca, co-fondatore della start up romana Gelsana che dal laboratorio di Bravetta, nella periferia Ovest della Capitale

made in italy gelato artigianale sigep smart working
Il gelato nella cultura del mondo

MILANO – Lo smart working sta prendendo piede sempre più dallo scoppio della pandemia, che ha promosso il lavoro da remoto per limitare il contagio. Ma cosa mangiare durante la pausa caffè dentro casa? Il rischio è sempre quello di metter su peso a causa dello scarso movimento e allora, come fare? Dall’ansa.it, riportiamo un fatto interessante: una soluzione la si trova proprio nel gelato.

Smart working e gelato: due complici salutari

Il confinamento in smart working di molti lavoratori hanno aiutato il mondo del gelato di qualità. Nei turni da remoto le pause lavorativo sono veloci e fluide e una coppetta di gelato viene percepita come una piccola evasione sana, gustosa, facilmente digeribile. Una ricarica di energia nel segno del comfort food, dunque.

“Per noi fornitori di ristoranti e bar-bistrot con il lockdown temevamo il peggio e invece a novembre abbiamo registrato gli stessi ordini di settembre, oltre a consistenti vendite nella Gdo e nel delivery, grazie al nostro gelato di nuova concezione la cui particolarità è una forte riduzione della quantità degli zuccheri e grassi aggiunti e un bilanciamento di quelli naturalmente presenti con materie prime di altissima qualità ricche di fibre e senza conservanti”. A dirlo è Daniele Frasca, co-fondatore della start up romana Gelsana che dal laboratorio di Bravetta, nella periferia Ovest della Capitale, vende in take away e distribuisce coppette a marchio “Perfecto – Naturalmente Italiano” al gusto di cioccolato, pistacchio, vaniglia e nocciola nell’area urbana tramite la piattaforma Cosaporto.it.

Perfecto, precisa Frasca, è un prodotto fresco

Che mantiene le caratteristiche organolettiche e qualitative di un prodotto lavorato artigianalmente, ma che si ispira ai numeri e al modello industriale. Per la sua preparazione è utilizzato un solo addensante naturale, la farina di semi di carruba. Lo zucchero da barbabietola grezzo, da filiera italiana, è stato selezionato quale unico elemento dolcificante che lo rende dal punto di vista nutrizionale più equilibrato. Nasce dalla volontà di realizzare un gelato dalle caratteristiche nutrizionali uniche grazie all’apporto fondamentale di Flavio Di Gregorio, esperto in nutrizione, e il supporto di un laboratorio di analisi che certifica puntualmente le calorie del gelato e tutti gli altri valori nutrizionali.

La lista degli ingredienti corta è un’altra sua qualità e lo differenzia, anche per questo aspetto, dalla quasi totalità dei prodotti confezionati”.

La vera rivoluzione nella preparazione del Gelato Perfecto è l’utilizzo delle fibre (2 Kcal/gr) al posto di zuccheri (4 Kcal/gr) e grassi (9 Kcal/gr). Questo spiega il suo ridotto valore energetico: 204 kcal per 100gr di prodotto del cioccolato, alle 200 kcal della nocciola, fino ad abbassarsi alle 175 kcal del pistacchio e alle 169 kcal della vaniglia. Perfecto è il primo gelato artigianale confezionato la cui quantità di fibre varia a seconda del gusto: dal 9,3% del cioccolato al 5,6% della nocciola, dal 8,2 % del Pistacchio al 5,8% della Vaniglia.

Gelsana è un azienda nata a Roma nel 2019 su iniziativa di Stefano Ferrara

Gelatiere di Pinguino Gelateria Naturale a Roma, premiata con Tre Coni dalla guida Gelaterie d’Italia 2020 del Gambero Rosso, impegnato da circa 15 anni nella ricerca e sperimentazione nel settore del gelato, del dottor Flavio Di Gregorio, da anni attivo nel mondo della nutrizione e nell’educazione alimentare, e dell’imprenditore Daniele Frasca.

In particolare il gelatiere Ferrara è impegnato nella ricerca e nella sperimentazione di nuovi ingredienti funzionali, come le fibre alimentari impiegate per ridurre gli zuccheri aggiunti, o degli zuccheri naturali, come quello integrale di cocco.