Home Cultura I nostri lutt...

I nostri lutti: la scomparsa di Erna Knutsen, è stata madrina e inventrice dello Specialty Coffee

Erna Knutsen
Erna Knutsen in una bellissima foto di “Roast Magazine"

MILANO — Erna Knutsen, colei che per prima aveva tracciato l’identikit di una tendenza che doveva elevare la qualità del caffè a livello globale, non c’è più. Ecco dunque le parole con le queli Cristina Caroli, Coordinatrice Sca Italy, ha dato la notizia:

“L’Associazione tutta, tutti coloro che fanno parte della Community e sono impegnati per un mondo del caffè migliore, sono addolorati per per la sua scomparsa. Ma grati per la strada importante che ha tracciato.

Ogni giorno la onoreremo estraendo Specialty con professionalità e con la voglia di connettere chi produce al consumatore. Elevando la percezione del valore del prodotto caffè e regalando una esperienza sensoriale.

Erna Knutsenera conosciuta come la madrina dello Specialty Coffee

Erna Knutsen sul palcoscenico di un evento in suo onore

E’ stata proprio lei, infatti, che coniò il termine “Specialty Coffee”. Inoltre, è stata la prima a dare un nome al nostro movimento, coniando il termine “Specialty coffee”. Incessantemente, ha sostenuto i valori di qualità, identità e distinzione nel caffè.

Erna iniziò la sua carriera nel  caffè negli anni ‘ 70

Come segretaria in una società di commercio del caffè, dove rimase affascinata dai caffè “speciali” che venivano scambiati accanto a più caffè commerciali, “di base”.

Non poteva però avvicinarsi alle sale di cupping e tantomeno alla tostatrice in quanto donna. Subendo pregiudizi e trattamenti non equi.

Dopo alcuni anni, nel 1985,  Erna fondò la sua società commerciale di caffè

Acquistò la Compagnia per cui lavorava, la ribattezzò Knutsen Coffees, Ltd…. e licenziò tutti coloro che la avevano esclusa a suo tempo!

Una giovane Erna Knutsen al tavolo del Cupping

La prima newsletter sui caffè speciali per posta e via fax

Le newsletter di Erna presto divennero ben note nel commercio del caffè, e il suo stile entusiasta e la profonda conoscenza del caffè informarono e ispirarono una generazione intera.

Attraverso queste newsletter, che ha distribuito per posta e via fax, ben prima dell’era di Internet, Erna ha dato una vera e propria lingua al movimento del caffè Specialty.

E ha fornito un contorno più chiaro dell’importanza dell’origine del caffè, metodi di assaggio professionale; tecniche di lavorazione e roasting.

Erna era orgogliosa di essere una donna nel caffè

Ed era un’appassionata sostenitrice delle donne nel caffè. Si è battuta infatti per  un commercio di caffè più equo e inclusivo della figura femminile con pari possibilità di carriera e affermazione”.

Conclude il suo ricordo Cristina Caroli: «Sono temi in primo piano per la Sca, da molti anni, esattamente sulle tracce indicate da questa eccezionale figura ispiratrice.»