giovedì 30 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

Scarti del caffè: arriva la piattaforma per l’economia circolare con il Politecnico di Torino

Il C4cec annuncia la prima call for membership globale, con scadenza 31 maggio, per coinvolgere gli attori del settore del caffè nell'utilizzo di approcci di economia circolare al fine di creare nuove opportunità di reddito e lavoro

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

È stata lanciata dal Center for circular economy in coffee la prima piattaforma globale per coinvolgere il settore del caffè nell’adozione di pratiche di economia circolare, trasformando gli scarti industriali in prodotti di riuso. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo dell’ansa e pubblicata sul portale Tiscali News.

La prima piattaforma che promuove le pratiche di economia circolare

TORINO – Il Center for circular economy in coffee, di cui è partner anche il Politecnico di Torino, lancia la prima piattaforma globale per coinvolgere il settore del caffè nell’adozione di pratiche di economia circolare, trasformando gli scarti industriali in prodotti di riuso, tra cui cosmetici, alimenti, materiali da costruzione e imballaggi. Un rapporto dell’International trade centre, dell’International coffee organization (Ico) e del Center for circular economy in coffee (C4cec) svela infatti che l’industria del caffè genera annualmente circa 40 milioni di tonnellate di scarti all’anno.

Triestespresso

Il C4cec annuncia la prima call for membership globale, con scadenza 31 maggio, per coinvolgere gli attori del settore del caffè nell’utilizzo di approcci di economia circolare al fine di creare nuove opportunità di reddito e lavoro.

L’obiettivo è coinvolgere comunità locali di produttori, piccole imprese, esportatori, commercianti, tostatori e aziende rivolte ai consumatori, soprattutto nei paesi produttori di caffè, per cogliere opportunità economiche affrontando al contempo le critiche questioni ambientali contemporanee.

La piattaforma è inoltre aperta a partner di ricerca, membri della società civile, impact investor e organizzazioni internazionali.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio