Home Cacao & Cioccolato San Valentino...

San Valentino: il cioccolato è il cibo che accende l’amore, la scienza spiega il perché

Homekit Ciokkino
Homekit Ciokkino

MILANO – La festa degli innamorati rilancia, se mai ce ne fosse bisogno, il cioccolato e il cacao. Che avrebbero, tra i loro effetti, quello di essere afrodisiaci. Quindi molto indicati nel caso e per la data. Da notare che la faccenda è nota perché il cioccolato è il regalo per eccellenza scelto dagli innamorati per San Valentino.

Ma quali sono i motivi storici e scientifici legati al suo successo in amore?

Oggi il cacao è riconosciuto come un superfood che apporta preziosi nutrienti, in particolare benefici per il sistema cardiovascolare.

In passato però il cacao era ritenuto un potente afrodisiaco ed è questa una delle ragioni per cui il cioccolato è il regalo dell’amore per antonomasia.

La leggenda comincia nel 1500 in Messico dove l’imperatore azteco Montezuma per avere più vigore nel suo harem, beveva 50 tazze al giorno di xocoatl, l’antenata della cioccolata.

La reputazione afrodisiaca del cacao si diffuse poi in Europa grazie all’uso euforizzante della bevanda durante le feste alla corte del Re Sole.

Giacomo Casanova e Gabriele D’Annunzio offrivano la cioccolata liquida alle loro amanti

E in Italia? Il grande seduttore Giacomo Casanova usava la cioccolata per disinibire le sue amanti e regalare istanti paradisiaci di piacere.

Persino il vate Gabriele D’Annunzio, rinomato amatore, consumava cioccolato per i suoi poteri afrodisiaci prima dei suoi incontri amorosi.

Ma il cacao è realmente un afrodisiaco?

La risposta della scienza è negativa, però il cacao fa qualcosa di ancora più interessante: promuove la “brain chemistry” dell’amore.

Per cominciare il cacao va dritto al cuore del piacere sessuale aumentando i livelli di serotonina, l’ormone del buon umore, che promuove l’eccitamento sessuale e il desiderio.

Poi grazie alla feniletilamina stimola la produzione di endorfine, responsabili dello stato di euforia che si prova durante l’orgasmo o un’intensa attività fisica. La feniletilamina inoltre potenzia l’attività della dopamina, legata all’eccitamento sessuale e alla gratificazione.

Infine il cacao è l’unico alimento in natura che contiene l’anandamide, la molecola della beatitudine, una sostanza prodotta anche dalle nostre cellule cerebrali che agisce sui meccanismi della soddisfazione e del piacere.

Il cioccolato quindi è fonte di piacere non solo per il nostro palato, ma anche per la nostra mente.

Ma quanto possiamo mangiarne?

Fave di cacao
Fave di cacao

A causa dell’alto contenuto calorico, la scienza consiglia di limitarne il consumo a solo 6 grammi al giorno, circa un quadratino di cioccolato rigorosamente fondente.

Per gli amanti del cioccolato oggi però c’è una buona notizia, la startup italiana Live Better ha ideato un modo smart per poterne consumare di più: Chokkino, il primo e unico espresso di puro cacao, da gustare al bar oppure tra le mura domestiche.

Ora c’è Chokkino che è come un espresso, ma 100% cacao

Chokkino in tazza
Chokkino in tazza

Visto che una tazzina contiene solo 19 calorie, questa ingegnosa startup italiana ha trovato il modo di far consumare cacao senza più sensi di colpa.

Ultima curiosità: grazie all’ossido nitrico il cacao aumenta la vasodilatazione, migliorando l’apporto di sangue e ossigeno a tutti i nostri organi.

Cos’altro agisce aumentando la vasodilatazione? La famosa pillolina azzurra: il Viagra.

D’altro canto Chris Kilham, il grande ricercatore di piante medicinali definito dalla rete televisiva Usa Cnn “l’Indiana Jones della medicina naturale” ci spiega che “in natura ci sono molte sostanze che aumentano la libido e la funzione sessuale, ma solo il cacao promuove la chimica mentale dell’essere innamorati”.