domenica 05 Febbraio 2023

Il ceo Rens racconta le Nomad: “Ecco le nostre sneakers fatte con scarti di caffè e bottiglie di plastica riciclate”

Jesse Tran ceo e co-fondatore di Rens Original: "Per la prima generazione, abbiamo usato fondi di caffè che vengono lavorati e mescolati con pellet di plastica riciclata per creare il filato di poliestere per la parte superiore della sneaker. Un paio di scarpe "Original" di prima generazione contiene circa 150 grammi di rifiuti di caffè e sei bottiglie di plastica riciclate. La seconda generazione, chiamata "Nomad", è fatta anch'essa con filato di poliestere di caffè, con lacci fatti con rifiuti di caffè e plastica riciclata da bottiglie di plastica dell'oceano"

Da leggere

MILANO – Abbiamo intervistato Jesse Tran ceo e Co-Founder di Rens Original, una startup finlandese, che ha lanciato nel 2019 via Kickstarter – raccogliendo oltre mezzo milione di dollari da più di 5.000 clienti in 100+ paesi del mondo – la prima sneaker al mondo finanziata in crowdfunding e neutrale per il clima, ovvero realizzata con scarti di caffè e plastica riciclata: Nomad.

Rens è un progetto che unisce due settori molto diversi: il caffè e le sneakers. Come è nato questo progetto e perché?

“È nato tutto alla fine del 2019. Io e Son, i due co-fondatori, siamo entrambi originari del Vietnam e abbiamo vissuto a Helsinki per 10 anni, siamo entrambi molto appassionati di sneakers. Abbiamo anche avuto un’esperienza molto breve come lavoro precedente nel settore dell’e-commerce e della produzione. Ci siamo guardati intorno e non abbiamo trovato molti marchi sostenibili per le sneakers dedicati ai giovani.

Jesse Tran and Son Chu – Rens Co-Founders

Abbiamo iniziato con il cotone organico e dopo 6 mesi ci siamo resi conto che non era il materiale giusto con cui lavorare, aveva bisogno di una grande quantità di acqua nel processo.

Abbiamo deciso quindi di cercare un altro materiale che potesse avere una connessione con la produzione in Cina e abbiamo scoperto questo materiale di scarto del caffè che ha molte funzioni sorprendenti: antibatterico, contiene piccole micro-tasche che intrappolano gli odori sgradevoli e si asciuga il 200% più velocemente dell’abbigliamento atletico tradizionale.

Abbiamo scelto il caffè questa volta perché in Finlandia ne consumiamo molto. E poi anche perché il Vietnam è uno dei più grandi produttori di Robusta: dal punto di vista del marketing era perfetto.

Il prodotto che abbiamo creato con gli scarti del caffè è stato un risultato migliore anche dal punto di vista estetico, ma questo perché avevamo lavorato su un nuovo design. Abbiamo avuto nuove idee in collaborazione con un team di design e sono molto meglio della prima versione”.

Dove e perché avete scelto di lavorare in Cina e Vietnam e non in Europa?

“In realtà abbiamo ottenuto il materiale per il caffè a Taiwan, e poi produciamo le sneakers in Vietnam nella stessa regione: ha senso che il materiale sia locale. Produciamo in Cina e non in Europa perché è troppo costoso, il prezzo non è competitivo, in Europa l’industria non può contare sulla stessa tecnologia che esiste in Asia: la tecnologia, le nuove macchine per la prova dell’acqua, sono più deboli in Europa. In Cina e Vietnam, tutte le fabbriche sono le migliori certificate al mondo. Ho visitato personalmente la maggior parte di loro.

In Finlandia abbiamo la nostra sede e tutte le proprietà intellettuali sono qui, comprese le sezioni del design e del marketing. Il nostro mercato principale sono gli Usa e poi la Germania. In Italia non abbiamo ancora una buona distribuzione e le persone non ci conoscono come in Germania. Però abbiamo intenzione di aprire un canale anche in Italia”.

ll team Rens con le sneakers sostenibili

Con quali materiali riciclati sono composte le sue sneakers Rens?

“Per la prima generazione, abbiamo usato fondi di caffè che vengono lavorati e mescolati con pellet di plastica riciclata per creare il filato di poliestere per la parte superiore della sneaker. Un paio di scarpe “Original” di prima generazione contiene circa 150 grammi di scarti di caffè e sei bottiglie di plastica riciclate.

Le Rens all’opera in corsa

La seconda generazione, chiamata “Nomad“, è fatta anch’essa con filato di poliestere di caffè, con lacci fatti con rifiuti di caffè e plastica riciclata da bottiglie di plastica dell’oceano. Questi due materiali si combinano per realizzare tutti i tessuti della parte superiore. Il caffè porta le caratteristiche. La plastica riciclata porta la flessibilità e la durata. Per entrambe le generazioni, sono dotate di una membrana impermeabile, alimentata dal nostro AquaScreen Tech, che permette all’aria di passare facilmente pur mantenendo il 100% di protezione dalla penetrazione dell’acqua. In realtà stiamo per rilasciare una nuova generazione, ma per ora è una sorpresa”.

Le Nomad impermeabili

Dal primo modello lanciato nel 2019, fino ad oggi, avete ricevuto un buon feedback dal mercato, soprattutto tra gli amanti del caffè?

“Ora abbiamo un pubblico davvero ampio grazie all’appeal del design dei nostri modelli. All’inizio, ad essere onesti, abbiamo creato e scelto il design in modo casuale, la prima generazione in base all’opinione di una comunità davvero piccola. Ora abbiamo fatto alcune scelte per la seconda generazione con la consultazione dei partner di produzione e di design e le parti interessate. È un processo davvero guidato dal cliente.

Le nostre scarpe sono impermeabili, quindi si possono usare per molte cose, dal trekking alla danza. Le sneakers sul mercato, ma il nostro target sono i giovani, che per lo più comprano scarpe dal design fresco e fatte con i migliori materiali, e che allo stesso tempo sono molto sensibili al tema della sostenibilità. È una combinazione dei due fattori: il design e il fatto che sia fatto con materiali di base di scarto. ”

E ora, quali sono i suoi progetti futuri con Rens?

“Non posso dire molto. Abbiamo iniziato su Kickstarter e poi siamo disponibili anche su Amazon e Zalando. Saremo anche a Londra e a New York, le principali capitali della moda nel mondo. Siamo abbastanza eccitati e speriamo di diventare più grandi e raggiungere più persone nel 2022″.

La domanda che vi chiederete è: qual è il prezzo di queste scarpe sostenibili (e cool)? La verità è che la tecnologia e il design di Nomad sono piuttosto costosi: un paio delle ultime calzature dell’azienda sono attualmente disponibili per 95€.

 

 

 

Ultime Notizie