CIMBALI M2
mercoledì 17 Luglio 2024
  • CIMBALI M2

Qromo, obiettivo 1 milione di fatturato sul 2024:”I brand di caffè si avvicinerebbero in questo modo ai consumatori”

Qromo è dalla parte dei titolari, racconta il ceo: “Il nostro approccio vuole avvicinarsi alle nuove attività proponendo un sistema snello, dinamico e più economico senza vincoli di permanenza. Questo perché innanzitutto abbiamo fiducia in un prodotto che funziona, pagato in percentuale a quello che sta offrendo.”

Da leggere

TME Cialdy Evo
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Si è di recente concluso il secondo round di investimento su Qromo per un aumento di capitale di quasi 1 milione di euro con una valutazione di circa €8 milioni -. Qromo è una piattaforma co-fondata da Francesco Basile, Paolo Biglioli a capo dello sviluppo e CTO e Matteo Denti noto ristoratore milanese. Nasce in pieno Covid, per l’esattezza il sette luglio 2020, dall’esperienza dello stesso Francesco Basile in Cina dove la ristorazione è già ad uno stadio avanzato.

Qromo si sviluppa con l’obiettivo di ottimizzare i processi nelle attività, portando a migliori ricavi, semplificando il work flow.

La tecnologia si conferma amica dell’uomo: ancora oggi vissuta come uno strumento quasi antagonista, ma in realtà potenziale massimizzatrice di i profitti e i ricavi. Questo è l’obiettivo principale.

Qromo è dalla parte dei titolari, racconta il ceo: “Il nostro approccio vuole avvicinarsi alle nuove attività proponendo un sistema snello, dinamico e più economico senza vincoli di permanenza. Questo perché innanzitutto abbiamo fiducia in un prodotto che funziona, pagato in percentuale a quello che sta offrendo.”

Chi decide di usufruire di Qromo si trova abbastanza omogeneamente dislocato su tutto il territorio nazionale: il 40% degli utenti a nord, il 30% a sud e un altro 30% al centro. Queste ultime due zone si sono rivelate molto ricettive a questa soluzione in quanto rappresenta una fonte di guadagno per la propria attività.

Qromo: il lancio effettivo nel marzo del 2023. In 9 mesi più di 500 clienti in Italia. 350mila euro di fatturato nel 2023, obiettivo un milione sul 2024

Francesco Basile:” Vogliamo offrire alle caffetterie un sistema di gestione da un unico dispositivo, che sia cellulare o tablet senza dover imbattersi più in barriere e intermediari.

I vantaggi di Qromo

“E’ una piattaforma digitale che consente a qualsiasi attività horeca di usufruire di una serie di strumenti in base alle proprie esigenze. L’offerta è composta partendo da un menù digitale, strumento non così scontato e che invece con Qromo è facilmente consultabile e tradotto in 50 lingue per il consumatore finale.

Nel menù strutturato da Qromo la lista dei prodotti è abbinata a delle categorie espandibili. Per fare un esempio concreto, se si posiziona in alto un logo di un’azienda caffeicola, questa stessa avrà la certezza che tutte le persone che sono passate per quel locale specifico abbiano visto proprio quel determinato brand.

Forniamo una reportistica in tempo reale per quantificare e qualificare gli utenti, il loro interesse, il loro comportamento rispetto allo stesso menù.

Queste informazioni sono utili per i brand e per i gestori o proprietari dell’attività. Se un marchio vuole posizionarsi all’interno di 1000 attività a cui il brand regala in esclusiva il sistema di menù digitale con ordini e pagamenti di Qromo, può monitorare sul totale dei locali in cui si è presenti quante persone sono state raggiunte dal proprio marchio
in maniera precisa e mirata.

“Con Qromo i brand di caffè potrebbero avvicinarsi ai propri consumatori finali. Adesso stiamo sperimentando con diverse  caffetterie.”

“Dovremmo partire a Milano con il locale di un noto brand di caffe con l’obiettivo di digitalizzare tutti i suoi store nazionali e non. Gli forniremo il sistema all in one completo di menù digitale, con il brand posizionato più in vista, il gestionale di cassa – in chiave moderna, con configurazione autonoma e costi più bassi rispetto ai nostri competitor (qualcuno lo vende a diverse migliaia di euro l’anno, noi invece qualche centinaio) – grazie allo sfruttamento di innovazioni tecnologiche che rendono il nostro sistema più smart: forniamo il nostro pos e l’ordine entra nel gestionale, con l’organizzazione di un ecosistema che consente di portare avanti l’attività potenzialmente dal proprio telefono.

Procedura che attualmente nel mondo del gestionale, è un’utopia. Con Qromo tutto si configura in tre click per una soluzione personalizzata, con un esperienza unica, a prezzi sensati.”

Come funziona questo portale?

“L’azienda interessata arriva sul sito, crea l’account, entra in Qromo. Sceglie il servizio a cui è interessata e si configura tutto in completa autonomia grazie alla nostra piattaforma semplice ed intuitiva. Ogni giorno abbiamo grande interesse da parte di tutte le attività del settore horeca.

Per accettare i pagamenti si compila un form con i dati aziendali. Finito questo primo step, che dura meno di cinque minuti, l’attività è già pronta ad accettare ordini e pagamenti. Un bel salto rispetto al dover recarsi in banca per avviare la procedura che di solito ci mette anche un mese.

Praticamente consentiamo di gestire la tua attività retail direttamente dallo smartphone dell’imprenditore senza alcuna barriera legata ad hardware specifici, altri fornitori di servizi di casse fiscali o pagamenti digitali. Il tutto in meno di 10 minuti.”

Perché ancora oggi i pagamenti digitali incontrano la resistenza dei gestori? E come avete risolto con Qromo?

“Partiamo da un dato di fatto: ormai i pagamenti digitali stanno superando quelli cartacei. È inevitabile la transizione ed è quindi fondamentale farsi trovare pronti con una soluzione che possa racchiudere dalla a alla z le necessità dei locali: i pagamenti digitali non sono soltanto un costo per l’esercente.

Aggiungiamo l’opzione di ordini e pagamenti: per ordinare online i gestori pagano qualche centesimo in più, ma dall’altra il cliente che ha a disposizione la possibilità di saltare la cassa, è felice di pagare attraverso lo smartphone.

Per fare un esempio, il cliente andrà direttamente al bancone della caffetteria mostrando il telefono al banconista con una sorta di ticket, che il banconista dovrà soltanto cliccare su tre volte velocemente per validare l’ordine.

Questa funzionalità oggi è già presente alla fiera di Rimini, all’Allianz MiCo di Milano, al palazzo congresso di Rimini. Tanti eventi e serate su Milano funzionano così: si elimina completamente la cassa e chi dovrebbe gestirla, riducendo anche le spese del personale.

Mettere nel proprio locale il nostro menù digitale con ordini e pagamenti equivale ad avere dei camerieri che parlano 50 lingue, velocizzare le operazioni, poter contare su di un partner fedele.

Siamo così sicuri del nostro prodotto che offriamo un mese di prova gratuita per tutti i nostri sistemi così da provare con mano il potenziale offerto dalla nostra soluzione..”

Parlando di numeri: quanto sulla carta sono i guadagni (o i risparmi) per un locale che sceglie di affidarsi a Qromo?

“Qromo è un ecosistema di soluzioni componibili per le attività del food retail, di ristoranti ai locali, dai bar, ovunque ci sia somministrazione di cibo e bevande.

Collega il menù digitale che può essere utilizzato stand alone (quindi anche senza gestionale annesso) e consente di avere integrata l’anagrafica dei prodotti di chi batte effettivamente lo scontrino e del cliente che dal tavolo lo consulta come una pagina web tradotta: a differenza degli altri menù digitali infatti, non è un pdf o un sito web, ma un’infrastruttura sulla quale si può reagire in tempo reale.

Per esempio se la pizza è esaurita, in due click si rimuove dalla lista e nessuno può più ordinarla. Consente così alle attività, ai dipendenti, di non discutere tra cucina e sala con degli esiti spiacevoli per il cliente finale.

La possibilità di modificare prodotti e prezzi in tempo reale è un vantaggio per l’esercente che evita i costi di ristampa: ipotizzando il calcolo di almeno 70 fogli a 4 con il menù del giorno, in media all’anno rappresentano una spesa che va dai 400 ai 600 euro all’anno. E poi si riduce anche l’impatto ambientale.

Dall’altra, il consumatore può accedere con il proprio dispositivo così come ormai è abituato a fare ovunque. Sempre per il cliente finale anche i tempi di attesa vengono ridotti e con un modulo opzionale possono iniziare a ordinare dal menu.

Attenzione, perché è sempre il gestore che ha la facoltà di decidere cosa fare ordinare o meno: ad esempio può optare per un menù di consultazione su tutto, ma magari solo la parte di caffetteria è già acquistabile senza dover aspettare il cameriere. Questo genere di soluzione digitale aumenta di molto il guadagno sullo scontrino medio. “

La scheda sintetica di Qromo

Qromo S.r.l. è una start-up fintech fondata nel 2020 che si rivolge alle attività del settore horeca, food retail ed eventistica con una soluzione modulare all-in-one che integra un menù digitale personalizzabile, un sistema di ordini e di pagamento e un software gestionale per la processazione degli ordini.

La soluzione Qromo contribuisce a eliminare le code in cassa e facilitare i processi di ordinazione e pagamento, tracciando in tempo reale le rimanenze di magazzino.

CIMBALI M2

Ultime Notizie

  • Water and more
  • Carte Dozio