mercoledì 17 Agosto 2022

Prezzi degli arabica ai minimi mensili, pesano la crisi e il dollaro forte

Da leggere

MILANO – Forti ribassi per i futures del caffè arabica. Il contratto per scadenza settembre della borsa newyorchese ha perso 1.430 punti nello spazio di tre sedute chiudendo ieri, lunedì 27 giugno, a 222,10 centesimi, livello minino dalla fine di maggio sulla scadenza principale. Ad alimentare le liquidazioni, il rafforzarsi del dollaro sul real e le nuove stime di Usda, che prevedono una ripresa della produzione mondiale per l’annata a venire.

Ma soprattutto, il sentiment economico sfavorevole, legato alla delicata situazione politica internazionale, alla ripresa dell’inflazione e alle misure restrittive attuate o annunciate dalla banche centrali.

Tutti elementi che stanno tarpando le ali alla ripresa economica post-pandemica, con conseguenze sui consumi voluttuari.

Va intanto osservato che le scorte certificate sono scese a un nuovo minimo storico di 951.641 sacchi, ripartiti più o meno alla pari tra Brasile e Honduras.

Londra scivola, a sua volta, ai minimi delle ultime due settimane. La scadenza settembre ha perso 73 dollari nelle ultime tre sedute chiudendo ieri a 2.040 dollari.

Stiamo intanto entrando in un periodo dell’anno segnato tradizionalmente da un’elevata volatilità dovuta, in primo luogo, all’inverno brasiliano.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

Ultime Notizie