sabato 25 Giugno 2022

Nestlé contro il lavoro minorile alle origini del cacao: il programma

“Il nostro obiettivo è quello di avere un ulteriore impatto tangibile e positivo su un numero crescente di famiglie di coltivatori di cacao, soprattutto nelle aree in cui la povertà è diffusa e le risorse sono scarse, e di contribuire a colmare nel tempo il divario di reddito che devono affrontare”, ha dichiarato Mark Schneider, CEO di Nestlé.

Da leggere

MILANO – Nestlé ha annunciato un nuovo piano per affrontare i rischi del lavoro minorile nella produzione del cacao. Al centro c’è un innovativo programma di accelerazione del reddito, che mira a migliorare le condizioni di vita delle famiglie di coltivatori di cacao, promuovendo al contempo pratiche di agricoltura rigenerativa e la parità di genere.

Un incentivo in denaro sarà pagato direttamente alle famiglie di coltivatori di cacao per determinate attività come l’iscrizione dei bambini a scuola e la potatura, tra le altre.

Il nuovo piano di Nestlé sostiene anche il lavoro dell’azienda per trasformare il suo approvvigionamento globale di cacao e ottenere la completa tracciabilità e segregazione dei suoi prodotti a base di cacao. Mentre Nestlé continua a espandere i suoi sforzi per la sostenibilità del cacao, l’azienda prevede di investire un totale di 1,3 miliardi di franchi svizzeri entro il 2030, più che triplicando il suo attuale investimento annuale.

Il programma di accelerazione del reddito offre un approccio innovativo per aiutare gli agricoltori e le loro famiglie nella transizione verso una coltivazione del cacao più sostenibile.

Gli incentivi incoraggeranno comportamenti e pratiche agricole progettati per costruire costantemente nel tempo la resilienza sociale ed economica. Con il nuovo approccio di Nestlé, le famiglie di coltivatori di cacao saranno ricompensate non solo per la quantità e la qualità dei semi di cacao che producono, ma anche per i benefici che forniscono all’ambiente e alle comunità locali.

Questi incentivi si aggiungono al premio introdotto dai governi della Costa d’Avorio e del Ghana che Nestlé paga e ai premi che Nestlé offre per il cacao certificato. Questo cacao è sottoposto a controlli indipendenti rispetto allo standard di agricoltura sostenibile Rainforest Alliance, che promuove il benessere sociale, economico e ambientale dei coltivatori e delle comunità locali.

Le comunità di coltivatori di cacao devono affrontare sfide immense, tra cui la diffusa povertà rurale, i crescenti rischi climatici e la mancanza di accesso ai servizi finanziari e alle infrastrutture di base come acqua, assistenza sanitaria e istruzione. Questi fattori complessi contribuiscono al rischio di lavoro minorile nelle aziende agricole familiari. Insieme ai partner, compresi i governi, e sulla base di un promettente programma pilota, la nuova iniziativa di Nestlé si concentra su queste cause profonde del lavoro minorile.

“Il nostro obiettivo è quello di avere un ulteriore impatto tangibile e positivo su un numero crescente di famiglie di coltivatori di cacao, soprattutto nelle aree in cui la povertà è diffusa e le risorse sono scarse, e di contribuire a colmare nel tempo il divario di reddito che devono affrontare”, ha dichiarato Mark Schneider, CEO di Nestlé.

Ulf Schneder amministratore delegato Ceo AD Nestlé
Mark Ulf Schneider amministratore delegato di Nestlé

“Basandoci sul nostro impegno di lunga data per l’approvvigionamento sostenibile del cacao, continueremo ad aiutare i bambini ad andare a scuola, a dare potere alle donne, a migliorare i metodi di coltivazione e a facilitare le risorse finanziarie. Crediamo che, insieme ai governi, alle ONG e ad altri operatori del settore del cacao, possiamo contribuire a migliorare la vita delle famiglie di coltivatori di cacao e dare ai bambini la possibilità di imparare e crescere nell’ambiente sano e sicuro che meritano”.

Il programma premia le pratiche che aumentano la produttività del raccolto e aiutano a garantire ulteriori fonti di reddito, che mirano a colmare il divario con il reddito da vivere e aiutano a proteggere i bambini. Impegnandosi in queste pratiche, le famiglie possono inoltre guadagnare fino a 500 franchi all’anno per i primi due anni del programma. L’incentivo più alto all’inizio aiuterà ad accelerare l’attuazione di buone pratiche agricole per costruire l’impatto futuro.

Questo incentivo sarà poi livellato a 250 CHF in seguito, quando il programma inizierà a dare risultati tangibili. Non è pagato in base al volume di cacao venduto ed è inclusivo per fornire ai piccoli coltivatori un sostegno significativo, senza lasciare indietro nessuno. A differenza della pratica normale, il programma offre anche incentivi finanziari per il coniuge dell’agricoltore, che di solito è responsabile delle spese domestiche e della cura dei figli.

Dividendo i pagamenti tra l’agricoltore e il coniuge, il programma aiuta a dare potere alle donne e a migliorare la parità di genere. Esempi di pratiche che Nestlé sta incentivando sono: iscrizione a scuola per tutti i bambini della famiglia dai 6 ai 16 anni; attuazione di buone pratiche agricole, come la potatura, che aumentano la produttività dei raccolti; esecuzione di attività agroforestali per aumentare la resilienza al clima, come piantare alberi da ombra; generare redditi diversificati, per esempio attraverso la coltivazione di altre colture, l’allevamento di bestiame come i polli, l’apicoltura o la lavorazione di altri prodotti come la cassava.

I pagamenti saranno effettuati tramite un servizio di trasferimento mobile sicuro che garantirà la tracciabilità direttamente dai fornitori di Nestlé al destinatario. Poiché il flusso di cassa durante tutto l’anno è spesso una sfida, gli incentivi in denaro saranno distribuiti quando sono più necessari. In base al feedback degli agricoltori, ciò include il periodo del ritorno a scuola e prima della stagione delle piogge. Terze parti, tra cui International Cocoa Initiative e Rainforest Alliance, collaboreranno con Nestlé per monitorare la partecipazione.

Sulla base dei risultati positivi di un pilota iniziale nel 2020 con 1.000 agricoltori in Costa d’Avorio, nel 2022 Nestlé espanderà il programma per includere 10.000 famiglie nel paese, prima di estenderlo al Ghana nel 2024. In seguito valuterà i risultati di questa fase di test e li adatterà, se necessario, prima di raggiungere tutte le famiglie di coltivatori di cacao nella sua catena globale di approvvigionamento del cacao entro il 2030.

Nestlé contribuirà a garantire che gli agricoltori dispongano delle risorse, della formazione e delle strutture sociali e finanziarie per apportare cambiamenti duraturi: migliorando l’attuale sistema di monitoraggio e rimedio per aiutare a identificare, prevenire e affrontare il rischio del lavoro minorile e aumentare l’iscrizione a scuola; offrendo alle famiglie una formazione attraverso il Gender Action Learning System e sulla pianificazione finanziaria familiare e l’imprenditorialità; organizzare e formare gruppi locali per eseguire ogni anno la potatura e altri compiti agricoli benefici all’interno di una determinata cooperativa; fornire opportunità di diversificazione del reddito per gli agricoltori e i loro coniugi; aiutare a creare le Village Savings and Loans Associations (VSLA), focalizzate sulle donne, per incoraggiare il risparmio e fornire prestiti per piccole opportunità commerciali.

Il comunicato originale si può leggere qui Nestlé announces innovative plan to tackle child labor risks, increase farmer income and achieve full traceability in cocoa

Ultime Notizie