giovedì 30 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

Mercati del caffè: così la guerra accentua la già grave crisi logistica

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Mercati del caffè sull’ottovolante in questa prima decade di marzo: pesano le tensioni internazionali, che stanno esacerbando una situazione, già di per sé precaria. Ora c’è il timore che l’impennata dei prezzi del petrolio possa accrescere ulteriormente i costi dei trasporti aumentando ancora le difficoltà logistiche.

Preoccupazione anche a monte della filiera, dove i produttori sono alle prese con costi sempre più alti per quanto riguarda i fertilizzanti e gli altri input chimici.

Triestespresso

L’Ice Arabica ha toccato i suoi massimi martedì 8 marzo. Il contratto per scadenza maggio ha guadagnato, in un solo giorno, 865 punti volando a 232,90 centesimi.

A spingere al rialzo i mercati del caffè, il nuovo rischio siccità in Brasile

Somar ha rilevato la settimana scorsa soli 4,8 millimetri di pioggia nel Minas Gerais, pari ad appena l’8% della media storica.

Le previsioni più favorevoli diffuse nei giorni successivi, con precipitazioni in arrivo durante il week-end, hanno rassicurato gli operatori.

Il benchmark è così arretrato di 360 punti mercoledì e di ulteriori 510 punti ieri, giovedì 10 marzo, chiudendo a 224,20 centesimi.

Diversa l’evoluzione dell’Ice Robusta, che ha ripreso quota tra martedì e mercoledì.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio