Home Curiosità I 10 consigli...

I 10 consigli per realizzare un Love Tea Party ideale di San Valentino

love tea party

MILANO – Anche il San Valentino 2019 bussa ai cuori di tutti gli innamorati. Molte coppie pensano ai fiori, ai cioccolatini o alle cenette romantiche. Ma cosa si può offrire a chi è un amante del tè? Un’idea originale per stupire il proprio partner può esser organizzare un autentico Love Tea Party a sorpresa. Ecco qualche dritta per allestirne uno in piena regola.

Love Tea Party, 10 consigli da seguire

Per festeggiare tra infusi dal gusto afrodisiaco e biscottini allo zenzero. Seguendo la tendenza d’Oltreoceano del “Wonderful Time”, infatti, gli italiani abbandonano il classico “appuntamento delle 5”. E consumano tè, tisane ed infusi nei diversi momenti della giornata.

Come allestire la location?

Questi, ma anche altri, sono i consigli dati dalla food stylist Federica Visconti su come organizzare un perfetto “Love Tea Party” per stupire la propria anima gemella. E’ quanto emerge da uno studio di Clipper e su oltre 200 fonti fra testate, magazine, portali;
blog e community lifestyle internazionali.

MAGAZZINI DEL CAFFE’
HOST

Nonché su un pool di oltre 50 esperti per sondare quali siano i consigli per organizzare un “Love Tea Party” in occasione di San Valentino.

“Per la giornata di San Valentino – commenta Stefania Gilardi, tea educator e tea sommelier presso la UK Tea Academy – consiglierei un infuso afrodisiaco ‘Love Me Truly’ alle spezie.

Fra i diversi ingredienti presenti, lo zenzero ha il ‘potere’ di aumentare la circolazione sanguigna e, quindi, l’afflusso di sangue negli organi. Fra gli altri, in grado di ‘accendere la passione’ c’è anche il cardamomo. Cnsiderato afrodisiaco in oriente ed il finocchio che, si narra, faccia aumentare la libido. Alla coppia d’innamorati, quindi, non resta altro che rilassarsi e celebrare al meglio San Valentino nel segno della dolcezza e del romanticismo”.

La tendenza del “Wonderful Time” spopola sempre di più fra gli italiani

Che bevono tè ed infusi, da soli o in compagnia, in ogni momento, luogo o situazione della giornata. 4 su 10 (42%), per esempio, lo bevono dalle due alle tre volte alla settimana; mentre il 38% lo fa ogni giorno, in quanto è considerata la bevanda preferita. Quasi un italiano su 2 (47%) confessa di concedersi una tazza di tè quando legge un buon libro. Ed il 44% lo fa al lavoro, durante una chiacchierata con i colleghi.

Poco più di 1 su 10 (12%) adora portare con sé, mentre fa shopping, un thermos caldo
nelle fredde giornate invernali

“Il tè, per tradizione, rappresenta un momento sociale raffinato ed elegante – commenta la food stylist Federica Visconti – che ha una sua ritualità ed un suo galateo. Prima di tutto si pensa all’invito. Che può essere fatto tramite una telefonata oppure con un biglietto.

Per servire può andare bene teiera spaiata dal servizio: un consiglio può essere quello di scegliere ceramica bianca o della ghisa per i tè ed infusi più forti. Che vengono offerti su un vassoio nel salotto di casa. La ‘mise en place’ deve essere rigorosamente in porcellana, lino, organza o cotone.

Per quanto riguarda i dolci possono andar bene delle confetture in piccole ciotole

Eleganti alzatine in cui disporre muffins, scones, tramezzini e diversi tipi di biscotti, ma sarebbero fantastiche delle torte fatte in casa. Abbellite da dei fiori freschi. E’ importante, inoltre, che il padrone di casa ritiri le tazze vuote. In modo tale da liberare le mani degli ospiti. L’infuso, poi, si consuma tenendo il piattino con una mano e la tazza con l’altra; prendendola tra il pollice e l’indice.

Quando lo si beve sarebbe opportuno assumere una postura corretta

In modo tale che tutte le dita stiano assieme, compreso il mignolo, che non deve essere alzato. Dopo aver mescolato il tè, infine, qualora si voglia aggiungere dello zucchero, ricordarsi che il cucchiaino va posizionato sul piattino e non all’interno della tazza”.

Ecco i 10 consigli pratici

1) Come ai vecchi tempi. In un mondo sempre più sommerso dalla tecnologia perché non
tornare indietro nel tempo e scrivere, di proprio pugno, un invito per un “Love Tea Party”
alla propria persona amata?

2) Il servizio della nonna. Quando la si va a trovare, chiederle in prestito il suo servizio da tè in ceramica bianca. Che si addice alla perfezione anche per i tè ed infusi più forti;

3) Cucina off-limits. Allestire ed abbellire, in maniera romantica, il proprio salotto con
cuoricini e fiori. Tenendo a portata di mano un vassoio su cui verrà servita la bevanda.
Dare libero sfogo alla proprio lato romantico con zuccherini a forma di cuore o mazzolini di
fiori disposti su tutta la tavola.

4) Attenzione alla ‘mise en place’

Utilizzare esclusivamente porcellana, lino, organza oppure cotone. Prediligere sempre le sfumature di colore tono su tono.

5) Love is sweet. Dalle confetture ai muffins; passando per biscottini di frolla ricoperti di
glassa rosa o rossa e torte fatte in casa: a San Valentino c’è amore, ma anche i dolci
vogliono la loro parte;

6) Essere ottimi padroni di casa. Prendersi cura del proprio partner in tutto e per tutto,
ritirando o riempiendo nuovamente la tazzina con del tè o infuso caldo;

7) Le mani al posto giusto. Con una tenere il piattino, mentre con l’altra afferrare la tazza
con il pollice e l’indice;

8) Bon Ton. Assumere una postura corretta, soprattutto con le dita, e ricordarsi di non
alzare il mignolo;

9) Quante zollette?

Nel caso si voglia aggiungere dello zucchero, una volta finito di mescolare, appoggiare il cucchiaino sul piattino;

10) La giusta atmosfera. Non è San Valentino senza la giusta playlist, che deve traboccare d’amore: da Elton John ad Ed Sheeran, da John Legend a Michael Bublè. Un’ultima idea? Lasciate un messaggio d’amore in un biglietto sotto ogni tazza. A San Valentino sia che si tratti dell’amato che dall’amica del cuore. La parola d’ordine è parlare d’amore.