CIMBALI M2
giovedì 25 Luglio 2024
  • CIMBALI M2

LAVAZZA – Spot sessista? L’azienda replica: “No, vedrete il seguito…”

Da leggere

TME Cialdy Evo
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Ma quale spot sessista? Nella serie “A modo mio”, la celebre e longeva – dura da più di vent’anni – pubblicità Lavazza ambientata in Paradiso, Enrico Brignano guarda un po’ lascivamente una ragazza, la modella Eleonora Arosio, ma Tullio Solenghi – San Pietro lo redarguisce severamente.

E se, per ora, lo punisce facendogli lavare i piatti, alla prossima puntata, che sarà in onda dal 15 marzo, passeggerà proprio in mezzo ai due, per impedire qualunque possibile trasgressione.

Lo spiegano all’agenzia Armando Testa, dopo che su change.org è apparsa una petizione che lamenta l’unica donna tra otto uomini guardata con cupidigia e protetta da “un anziano” (sempre San Pietro).

I pubblicitari hanno la visione opposta: “La donna dello spot è una citazione dantesca, una donna angelicata – raccontano – E tutto è più che ironico, con un Solenghi che comunque non concede a Brignano nessuna scappatella. Adesso, nel secondo spot, lo manda a fine cena a lavare una montagna di piatti, la prossima volta, quando Brignano dirà che lui con Eleonora voleva fare soltanto due passi si metterà a farli tra loro, lungo una stradina “.

Non tutti lo sanno, ma per realizzare i mega-spot come quelli del Paradiso, che dura da due decenni proprio per i buoni risultati, apposite società conducono lunghi focus group, interviste singole e altre telefoniche.

Solo se nessuno si turba, la creatività resta quella. E per Lavazza non si sono mai lamentati neppure dal Vaticano…

CIMBALI M2

Ultime Notizie

  • Water and more
  • Carte Dozio