Home Notizie L’addio...

L’addio a Luciano Berti, 89, fondatore Ali Group (Rancilio e Carpigiani, tra gli altri marchi)

Abitava a Bussero (Milano) e aveva aperto la sua azienda leader delle cucine industriali e delle attrezzature a Cassina de' Pecchi. I funerali si sono svolti venerdì 22 gennaio al Cimitero Monumentale di Milano

Luciano Berti (a destra) con il figlio Filippo amministratore delegato del Gruppo Ali
Luciano Berti (a destra) con il figlio Filippo presidente e amministratore delegato del Gruppo Ali

MILANO – Si è spento a 89 anni Luciano Berti, fondatore e presidente onorario di AliGroup, azienda leader delle cucine industriali, che gestisce marchi come Rancilio (macchine per caffè espresso professionali), Carpigiani (macchine per gelato) e Lainox (attrezzature per la ristorazione) tanto per citare i più popolari. Abitava a Bussero. L’azienda invece, partita da Cassina de’ Pecchi, ha oggi il suo quartier generale a Cernusco sul Naviglio. La scomparsa il 18 gennaio: Berti avrebbe compiuto 90 anni il 26 gennaio.

Una vita dedicata al lavoro

“Le tante persone e colleghi che hanno avuto l’opportunità e la fortuna di conoscerlo perdono oggi un caro amico ed un leader carismatico – ha dichiarato suo figlio Filippo Berti, presidente e amministratore delegato – Un vero gigante del nostro settore, un imprenditore unico che da tutti, anche dai suoi concorrenti, è stato spesso descritto come un visionario”. E aveva una particolare attenzione umana a tutti i dipendenti.

La Fondazione Berti

Era legatissimo alla moglie Giancarla, scomparsa nel 2019 e con la quale rimase sposato per 52 anni. Se lei sosteneva lui nell’attività lavorativa, la situazione si riproponeva specularmente con le attività filantropiche e di beneficienza. Sponsorizzava borse di studio e fondarono Fondazione Berti in Italia e la Berti Foundation negli Stati Uniti. Avviarono un programma volto ad aiutare i figli dei dipendenti di Ali Group a continuare gli studi tramite la “Berti Foundation Scholarship Program” e istituirono borse di studio assegnate, attraverso l’Accademia della Scala di Milano, a giovani musicisti italiani per perfezionarsi all’Aspen Music Festival and School in Colorado. Era anche sponsor dell’Accademia di Brera.

Funerali

I funerali sono stati celebrati al Cimitero Monumentale di Milano, dove, nella giornata di giovedì 21, era stata anche allestita la camera ardente.