lunedì 20 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

La relazione nel mondo del caffè tra Africa e Italia in un talk con Mario Cerutti, Lavazza, a Milano presso l’Università Cattolica

L’Italia, che conta due grandi gruppi (Lavazza e Segafredo) tra le prime 10 aziende al mondo del caffè, è spesso uno dei principali partner dei Paesi africani in materia di caffè. Ma sono ancora moltissimi i margini perché questa relazione speciale possa crescere e migliorare, grazie alla necessità di accorciare la filiera e alla richiesta dei consumatori di caffè certificati e sostenibili

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

La rivista Africa e Affari e la Fondazione E4Impact, con la partecipazione di Ethiopian Airlines a di AICS, hanno deciso di organizzare per martedì 16 maggio presso ALTIS dell’Università Cattolica via San Vittore 18 a Milano una conferenza dedicata al rapporto tra Italia e Africa  in merito ad una delle bevande più apprezzata al mondo: il caffè. A parlare di questi temi alcuni dei protagonisti assoluti del settore come Mario Cerutti, chief institutional relations & sustainability officer presso Lavazza Group.

Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicata sulla rivista Africa e Affari.

Triestespresso

Il rapporto tra Italia e Africa in merito al caffè

MILANO – Il caffè è il primo prodotto agricolo commerciato al mondo, anche prima del grano, e la seconda materia prima, superata solo dal petrolio, negli scambi globali. Basterebbero questi due dati a spiegare perché Africa e Affari e la Fondazione E4Impact, insieme ad Ethiopian Airlines a all’AICS, hanno deciso di organizzare per il 16 maggio alle ore 15 presso ALTIS dell’Università Cattolica via San Vittore 18 a Milano una conferenza dedicata al rapporto tra Italia e Africa proprio in merito al caffè.

La produzione di caffè impiega circa 100 milioni di famiglie nel mondo per un giro d’affari di quasi 200 miliardi di dollari. La metà dei 54 Paesi che producono questo prodotto si trovano in Africa e due di loro, Etiopia ed Uganda, figurano tra i primi 10 produttori al mondo.

L’Italia, che conta due grandi gruppi (Lavazza e Segafredo) tra le prime 10 aziende al mondo del caffè, è spesso uno dei principali partner dei Paesi africani in materia di caffè. Ma sono ancora moltissimi i margini perché questa relazione speciale possa crescere e migliorare, grazie alla necessità di accorciare la filiera e alla richiesta dei consumatori di caffè certificati e sostenibili.

A parlare di questi temi alcuni dei protagonisti assoluti del settore. A cominciare da Mario Cerutti, chief institutional relations & sustainability officer presso Lavazza Group (ma anche con importanti ruoli dirigenziali nelle principali associazioni del caffè mondiali), che ha raccontato l’esperienza di un grande gruppo.

prime video lavazza
Mario Cerutti chief institutional relations & sustainability officer presso Lavazza Group è pure presidente del Comitato Italiano del caffè ed ha anche importanti ruoli dirigenziali nelle principali associazioni del caffè mondiali

A fianco a uno dei colossi mondiali ci sarà poi la storia di Joseph Nkandu, che, con la sua associazione NUCAFE, coordina il lavoro di 1,5 milioni di produttori di caffè in Uganda, e la relazione speciale costruita con Marco Dalla Ragione dell’azienda Caffè River SpA.

Dopo il focus dedicato al settore privato, l’incontro affronterà i temi di sostenibilità sociale e ambientale del caffè, un aspetto fondamentale considerando che, soprattutto in Africa, la produzione è in mano a piccoli proprietari a cui arriva meno del 5% del valore del caffè prodotto e che spesso restano schiacciati tra intermediari e istituzioni da migliorare.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio