mercoledì 01 Febbraio 2023

Gestione manageriale: il Caffè Meletti di Ascoli oltre il milione di fatturato e punta alla stella

Da leggere

ASCOLI PICENO – Vola il fatturato del Caffè Meletti di Ascoli Piceno, che è cresciuto del 15% lo scorso anno e di un ulteriore 7% nel 2019 raggiungendo a fine settembre quota un milione e 170 mila euro. Soddisfatta la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, che due anni fa ha affidato a Valter Di Felice la gestione dello storico caffè di piazza del Popolo, di cui da qualche anno è proprietaria.

“La scelta di gestire il Meletti con criteri manageriali ha pagato; d’altronde – ha spiegato durante una conferenza stampa il presidente della Fondazione Angelo Galeati – per qualsiasi azienda è fondamentale massimizzare il fatturato e minimizzare i costi e il Meletti non può sottrarsi a questa logica”.

Come ricorda il sito VirtùQuotidiane, il Meletti è anche ristorante e l’obiettivo della proprietà è ora quello di tentare la scalata alla stella Michelin.

Così le cucine del Meletti

La guida delle cucine è stata affidata nei giorni scorsi a Fabio Lai, chef romano che vanta esperienza pluriennali nelle brigate di Carlo Cracco e, soprattutto, Stefano Baiocco, anconetano cresciuto alla scuola di Alain Ducasse, con esperienza all’Enoteca Pinchiorri di Firenze.

“Una stella Michelin non si conquista dall’oggi a domani, occorre lavorare e tanto e noi lo stiamo facendo attraverso formazione del personale, che vogliamo portare a livelli top, passando per la scelta di uno chef di rilievo, che saprà valorizzare i prodotti del territorio, anche con un po’ di rivisitazione, introducendo al Meletti anche il pesce”, ha annunciato Di Felice.

ll Meletti parteciperà martedì 26 novembre a Milano al concorso Best Location Awards che celebra i migliori luoghi di eventi e le migliori destinazioni e uffici congressuali del mondo. A votarli, una giuria selezionata composta da rappresentanti senior di associazioni nazionali di agenzie di eventi di tutto il mondo.

“Andremo a promuovere il Meletti, ma soprattutto Ascoli per cercare di attirare nella nostra città eventi di caratura nazionale e internazionale”, ha concluso Di Felice.

Ultime Notizie