Home Bar Caffetteria Gelato italia...

Gelato italiano, se l’Hi-tech ti dà una mano

filiere

Il gelato si globalizza, varca i confini e si insidia a tutte le latitudini e longitudini. Oggi più che mai avanza il ruolo della tecnologia, che ha il compito di creare prodotti che rispondono alle esigenze dei diversi target nei diversi mercati. Macchine sempre più sofisticate automatizzano molti processi, garantendo una qualità omogenea e coniugando sicurezza alimentare, efficacia ed estetica.

“Innovazione, affidabilità, genuinità sono le tre parole chiave che caratterizzeranno il settore nel prossimo futuro – dicono in Telme -. La tecnologia odierna consente funzioni impensabili in passato, eseguibili da un semplice chip”.

La capacità di creare tecnologie che rispondono a reali esigenze, anche formando i clienti, è infatti una delle armi vincenti del Made in Italy nel mondo: “Ricerca e sviluppo fanno sì che Selmi presenti sul mercato prodotti affidabili, altamente performanti, semplici da usare, d’avanguardia e che soddisfano le necessità dei clienti di tutto il mondo: l’80% del fatturato è estero – commenta Paolo Selmi, amministratore delegato di Selmi –. Stimolo per la ricerca è il continuo confronto tra l’azienda e il cliente: Selmi ha una scuola di formazione che è punto di incontro tra l’azienda e i clienti internazionali.Lo scambio di idee consente di arrivare a prodotti in linea con le richieste del mercato. I partecipanti ai corsi portano diverse esperienze, modi di lavorare e prodotti, un mix di culture che consente di produrre macchine innovative e sempre più in linea con queste diverse necessità.A Host presenteremo nuove attrezzature di notevole importanza per la filiera produttiva del cioccolato, perché crediamo nella manifestazione come momento per eccellenza dove il settore presenterà l’innovazione tecnologica più d’avanguardia a un parterre mondiale”.

A sottolineare l’aspetto della qualità costante è invece Filippo Lanaro, Amministratore Delegato di Lawer: “Nei settori in cui operiamo l’innovazione si concentra nella preparazione delle materie prime con sistemi di pesatura e dosaggio che permettono la precisione, la ripetibilità e la tracciabilità delle operazioni, che si traducono in efficienza e riduzione costi nonché costanza di qualità del prodotto finito. Anche la sostenibilità è un fattore chiave importante, la nostra azienda produce tutti i macchinari utilizzando energia autoprodotta da un impianto fotovoltaico. Inoltre i macchinari sono concepiti per risparmiare energia”.

La tecnologia, naturalmente, non è solo semplificazione, e aiuta anche i maestri. In questo senso, i Campionati del mondo di Cake Designers e il World Thropy of Pastry, Ice Cream and Chocolate che si terranno a Host saranno un’occasione per esaltare il connubio tra creatività e tecnologia, che rende possibile molte delle novità che si vedranno: “è molto importante la sinergia tra la creatività dei maestri gelatieri e le aziende che producono le tecnologie, nelle quali tra l’altro noi italiani abbiamo una leadership mondiale riconosciuta – spiega Roberto Lestani, Presidente FIP e Membro di Equipe Eccellenze Italiane FIP –. Durante i Campionati del Mondo ci saranno squadre, in particolare le orientali, che porteranno anche strumenti insoliti per realizzare sculture e far vedere nuove tecniche tipo tornio, laser e strumentazioni hi-tech”.