martedì 18 Gennaio 2022

La campionessa Elisa Urdich: «Noi per il caffè siamo come i sommelier per il vino»

Intorno al caffè sta nascendo, sul modello estero, una community molto agguerrita. E in tanti scelgono Treviso. Perché il caffè più buono d’Italia passa anche di qui. Complice l'attività costante e da campionato di Elisa Urdich

Da leggere

MILANO – Non avrà ormai più spazio per raccogliere i premi Elisa Urdich. Una donna che dal 2018 in poi, non ha fatto altro che conquistare il primo posto in tutte le competizioni in cui si è messa alla prova. Prima i Barawards 2018 di Bargiornale, poi campionessa italiana di Aeropress 2019 e, infine, l’ultima prova della Brewer cup a Sigep 2020 superata a pieni voti. Insomma, un nome che è destinato a spiccare in pedana e che adesso dovrà portare il suo talento nella sfida mondiale a Melbourne. Per tenere i motori caldi, condividiamo una sua intervista su ilgazzettino.it.

Elisa Urdich: l’eccellenza italiana vola in Australia

«Noi per il caffè siamo ciò che un sommelier è per il vino». Elisa Urdich ha iniziato con la “latte art” e oggi è una delle bariste più premiate d’Italia. Vincitrice di titoli nel 2018 e 2019, Elisa rappresenterà l’Italia a Melbourne il prossimo maggio.

C’è tutto un mondo agonistico dietro al caffè. «Sì, l’ho scoperto anch’io a poco a poco – dice – Oggi faccio parte di un team di gara che si chiama Bugan. È formato da due fratelli di Bergamo, che tostano i caffè che abbiamo nel nostro locale. Hanno una piccola torrefazione estrema. Due anni fa hanno scelto i campioni di specialità, in tutto 7, da preparare ed allenare. Abbiamo vinto in 3 in diverse specialità. A Bergamo la vittoria è stata salutata con grandissimo entusiasmo».

Elisa Urdich, con il compagno Fabio, è l’anima del Taste, coffee & more di vicolo Trevisi

Uno speciality coffee concepito sul modello europeo e anglosassone. Il 20 gennaio, Elisa è diventata campionessa italiana per la Brewer’s cup e rappresenterà, dal 4 al 7 maggio, l’Italia a Melbourne in questa specialità. Un anno dopo, a dicembre 2019, Coffe Taste è stata confermata terza caffetteria in Italia dalla stessa rivista.

La Brewer’s, la categoria in cui è risultata vincitrice tra una rosa di 20 finalisti, è una specialità molto particolare». In dieci minuti, di fronte a tre giudici sensoriali, si presentano ed eseguono le tazze. Il caffè, la ricetta, l’acqua e tutta la ricerca messa in una tazzina.

«Un lavoro meno tecnico e più creativo, di costruzione del gusto e dell’olfatto. Loro valutano proprio questo». Intorno al caffè sta nascendo, sul modello estero, una community molto agguerrita. E in tanti scelgono Treviso. Perché il caffè più buono d’Italia passa anche di qui.

Ultime Notizie