CIMBALI M2
mercoledì 12 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Ecco BIRD, la caffettiera a metà strada tra espresso, French press e pour-over

Adatta sia all’uso domestico che professionale, questa particolare caffettiera ricorda, a prima vista, la French Press, dalla quale si differenzia però in modo sostanziale, sia nel sistema di estrazione che nel risultato in tazza

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Si chiama BIRD – acronimo che sta per Brew In Reverse Direction – e promette di essere la nuova frontiera nell’estrazione del caffè senza bypass. Lo ha creato Weber Workshops, startup fondata nel 2014 da Douglas Weber, un veterano di Apple Product Design, con la passione per il caffè. Il principio di funzionamento di BIRD è basato sulla pressione a vuoto ottenuta attraverso un meccanismo a pistone.

Adatta sia all’uso domestico che professionale, questa particolare caffettiera ricorda, a prima vista, la French Press, dalla quale si differenzia però in modo sostanziale, sia nel sistema di estrazione che nel risultato in tazza.

BIRD consta di tre componenti principali: il contenitore in vetro, il portafiltro e il “Gizmo” (congegno), di cui analizzeremo tra poco il funzionamento.

I componenti della caffettiera (@weberworkshops)

Si monta il portafiltro inserendo all’interno un filtro in carta o in acciaio inossidabile e lo si colloca sul fondo del contenitore in vetro.

Riempito il portafiltro di caffè macinato (20-35 g) si versa l’acqua calda (sino a 350 ml).

Si utilizzano tra i 20 e i 35 grammi di caffè macinato (@weberworkshops)

Si monta quindi il Gizmo sul bordo superiore del contenitore. Il Gizmo ha uno stantuffo dotato di una barra filettata con un dado cieco all’estremità superiore, un grande dado ad alette, un coperchietto e tre palette rotanti.

Potete vedere un video che illustra il funzionamento di BIRD a questo link.

Quando viene azionato lo stantuffo, le palette si muovono rimescolando uniformemente il liquido e il caffè macinato.

Terminata questa operazione si lascia quindi depositare il caffè così ottenuto per un tempo variabile da pochi secondi a 8-10 minuti, a seconda delle caratteristiche della bevanda che si vuole ottenere.

È possibile utilizzare BIRD anche per il cold brew, con tempi di infusione ovviamente molto più lunghi. Si passa quindi alla fase successiva.

Il meccanismo del French pull si differenzia sostanzialmente dal French press (@weberworkshops)

Ruotando il dado ad alette comincia la filtrazione (French pull): il portafiltro inizia a sollevarsi spinto verso l’alto dalle palette creando una depressione.

La filtrazione del caffè è visibile attraverso il contenitore trasparente in vetro (@weberworkshops)

Il vuoto così ottenuto fa ridiscendere il caffè attraverso il letto di percolazione e il filtro consentendo così di ottenere una bevanda “pulita e aromatica”.

Il meccanismo a camma in carburo di tungsteno impedisce al dado ad alette di essere spinto verso il basso dal vuoto facilitando il lavoro del barista.

Come già detto, BIRD differisce, sotto molti aspetti, dal French Press classico. Il sistema di filtraggio permette infatti di utilizzare un caffè a macinatura più fine consentendo l’estrazione di molti aromi sottili, che altrimenti risulterebbero sottoestratti.

Il principio di funzionamento e il filtro a maglie strette impediscono infatti che nell’infuso possano rimanere dei residui di polvere di caffè, inconveniente questo tipico della caffettiera francese.

Un’altra immagine della caffettiera in azione (@weberworkshops)

Tutti i materiali utilizzati sono di alta qualità. Il contenitore è realizzato in vetro borosilicato, con pareti dello spessore di 3 mm. Il portafiltro è in acciaio inox 316, con una guarnizione in silicone alimentare.

È possibile utilizzare sia filtri in maglia di acciaio inossidabile sia in fibra di abaca. Il dado e il pomello sono in ottone lavorato a CNC. La barra filettata e le palette sono di acciaio inox.

Il coperchietto di alluminio anodizzato con occhielli in ottone. Il manico è di alluminio estruso e anodizzato ed è isolato termicamente attraverso un speciale materiale in polimero.

Grazie alla qualità dei materiali e delle soluzioni costruttive, il fabbricante garantisce una lunga durata della caffettiera. I ricambi saranno disponibili a breve sul sito di Weber Workshops e nei canali di distribuzione del prodotto.

L’ottimizzazione dei parametri di preparazione (macinatura del caffe, temperatura dell’acqua, tempi di infusione) è più semplice rispetto ad altri metodi di preparazione come il pour-over. BIRD è inoltre facile da smontare e lavare.

“BIRD segna la nostra entrata nel mondo delle attrezzature per la preparazione del caffè e, come per tutti i nostri progetti, siamo partiti da una prospettiva inedita” ha dichiarato Douglas Weber.

“Utilizzando soltanto materiali di alta qualità abbiamo voluto seguire una strada nuova, a metà strada tra espresso e pour-over. Con BIRD abbiamo creato un metodo di estrazione del tutto nuovo e siamo impazienti di vedere l’uso che ne sapranno fare i baristi e gli appassionati di tutto il mondo”.

BIRD con gli accessori in dotazione (@weberworkshops)

BIRD è disponibile a partire da questo mese in un numero limitato di unità (appena un migliaio). La produzione su più larga scala è prevista a partire dalla primavera. Il prezzo è di 360 dollari. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dell’azienda.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie