Home Aziende Nestlé lancia...

Nestlé lancia la piattaforma digitale per migliorare la raccolta differenziata

In un contesto come quello italiano, con regole eterogenee sul conferimento dei rifiuti, “Dove Lo Butto?” aiuta i consumatori a rispettare le diverse disposizioni locali. Una piattaforma digitale innovativa che si avvale della lettura del codice a barre per un corretto riciclo e della geolocalizzazione per rimandare alle disposizioni di smaltimento del proprio Comune

dove lo butto?
Il logo del progetto

ASSAGO (Milano) – Viene ufficialmente lanciata oggi Dove lo butto?, la nuova piattaforma digitale powered by Nestlé per la raccolta differenziata, creata con l’obiettivo di informare e aiutare i consumatori in modo rapido e intuitivo sul corretto smaltimento dei rifiuti, in qualsiasi parte d’Italia si trovino.

Nel nostro Paese, infatti, le regole per la differenziata variano tra un territorio e l’altro
a causa delle esigenze tecniche e operative con cui si interfacciano le diverse
municipalizzate locali. D’altra parte, poi, i consumatori non sono sempre certi del materiale di cui i packaging sono composti.

Dove lo butto? La piattaforma vuole supportare i consumatori

Nel rispondere alla domanda più comune che tutti almeno una volta ci siamo posti davanti ai bidoncini della raccolta differenziata: “… e questo, dove lo butto?”.

Come emerso dai risultati di una survey 1 commissionata da Nestlé, per il 74% degli italiani la molteplicità di disposizioni sullo smaltimento dei rifiuti da una località all’altra genera confusione e difficoltà nella differenziazione. Inoltre, l’emergenza Coronavirus ha
ulteriormente complicato questo scenario a causa del proliferare di “nuovi scarti”, come
Dpi (mascherine e guanti) e plastica monouso, anch’essi da destinare alla raccolta
appropriata.

Questa difficoltà che i cittadini incontrano li spinge a guardare con interesse a quello che
la tecnologia può offrire in termini di supporto alla corretta differenziazione, come
dimostrato dal fatto che il 65% degli italiani manifesti apertura e disponibilità all’utilizzo
di soluzioni digitali (ma solo il 18% afferma di utilizzarle già).

Dove lo butto? nasce quindi per aiutare i cittadini a differenziare meglio i rifiuti,
ovunque si trovino

E rappresenta un passo fondamentale nel percorso che Nestlé Italia ha intrapreso con il Nestlé Plastic Commitment, al fine di sensibilizzare i consumatori sulle corrette modalità di smistamento del packaging.

Gli utenti, una volta raggiunto il sito possono scaricare gratuitamente sul loro smartphone uno strumento digitale innovativo (progressive web app) che, tramite la scansione del codice a barre, è in grado di riconoscere immediatamente il prodotto e di fornire indicazioni sullo smaltimento delle diverse componenti del packaging secondo quanto stabilito dal Comune in cui ci si trova, individuato grazie alla geolocalizzazione.

Ma il consumatore può anche utilizzare il sito, sia da smartphone che da computer, per
trovare le informazioni di cui ha bisogno. Su www.dovelobutto.nestle.it è infatti
possibile effettuare ricerche manuali tramite parole-chiave per individuare il prodotto (ad
esempio, nome del prodotto, brand e categoria di appartenenza) e il Comune di interesse.

Il sito, in questa sua prima fase di lancio, è aperto a feedback e suggerimenti da parte
dei consumatori al fine di migliorarne l’esperienza d’uso (basta scrivere all’indirizzo
dovelobutto@it.nestle.com). Sarà anche arricchito con le ultime news del mondo del riciclo e della raccolta differenziata, permettendo agli utenti di restare sempre informati. Nestlé è disponibile alla collaborazione con altre aziende per espandere il database della
piattaforma anche con prodotti di altri marchi.

“Crediamo fermamente che per arrivare a un sistema più sostenibile serva un approccio
ampio e ragionato.” – ha dichiarato Marta Schiraldi, Nestlé packaging champion per
l’Italia – “Per questo motivo, lavoriamo attorno a quattro diversi pilastri: la ricerca,
finalizzata a sviluppare il packaging del futuro, l’incentivo al riciclo; riuso e riutilizzo dei
pack già esistenti, ad oggi la nostra azienda ha raggiunto il 96% di imballaggi riciclabili
prodotti in Italia, la collaborazione con realtà esterne e, ovviamente, l’informazione e
l’educazione ai consumatori, a cui, siamo certi, la nostra nuova piattaforma saprà dare
un importante contributo”.

Dove lo butto? è utilizzabile su tutti i dispositivi desktop e mobile iOS, Android e
Windows.

Gruppo Nestlé

Il Gruppo Nestlé è l’azienda alimentare leader nel mondo, attiva dal 1866 per la produzione e distribuzione di prodotti per la nutrizione, la salute e il benessere delle persone. Con 413 stabilimenti e circa 323.000 collaboratori distribuiti in oltre 190 Paesi, il
Gruppo si è evoluto insieme ai suoi consumatori, sviluppando soluzioni al passo con il cambiamento dei bisogni e dello stile di vita della società. L’innovazione e la ricerca scientifica applicata alla nutrizione rappresentano il tratto distintivo dell’operato del Gruppo sin dai suoi esordi e su queste stesse basi l’azienda sta lavorando oggi e per il prossimo futuro.

Il Gruppo Nestlé è presente in Italia dal 1875, quando è stata depositata a Milano l’etichetta “Farina Lattea Nestlé, alimento completo per i bambini lattanti”. Nestlé Italiana, Sanpellegrino, Purina, Nespresso, Nestlé Nutrition e Nestlé Health Science, Nestlé
Professional e CPW sono oggi le principali realtà che operano nel nostro Paese: assieme impiegano circa 4.700 dipendenti in 10 stabilimenti (oltre alla sede centrale di Assago), raggiungendo nel 2019 un fatturato totale di circa 1,6 miliardi di euro.

L’azienda opera in Italia con un portafoglio di numerosi marchi, tra cui i principali sono: Perugina, Baci Perugina, Perugina Nero, KitKat, Galak, Buitoni, Garden Gourmet, Maggi, Nidina, Nestlé MIO, NaturNes, Nescafé, Nescafé Dolce Gusto, Orzoro, Nesquik, Il Latte Condensato, Fitness Cereali, Meritene, Pure Encapsulations, S.Pellegrino, Acqua Panna, Levissima, Purina Pro Plan, Purina ONE, Gourmet, Friskies, Felix.

Il Gruppo Nestlé guarda anche alla creazione di valore condiviso per gli individui e le famiglie, le comunità e il pianeta con numerose iniziative di sostenibilità. Tra queste il Nestlé plastic packaging commitment ha l’obiettivo di rendere tutti i packaging
riciclabili o riutilizzabili entro il 2025 lavorando su 4 pilastri: riduzione riuso e riciclo; R&D; collaborazione con partner esterni; educazione e sensibilizzazione.

In Italia l’ultimo pilastro si concretizza con iniziative come Dove Lo Butto?, la piattaforma che intende aiutare i consumatori nella corretta raccolta differenziata. Scaricala gratuitamente sul link.