Home Estero Il virus camb...

Il virus cambia la dogana: per l’autenticità dei documenti basta l’autocertificazione

Anche l'importazione e l'esportazione di servizi e prodotti è sottoposta alla pressione del contagio: il Coronavirus influenza anche l'andamento del mercato di cibo e bevande, determinando il cambiamento delle misure doganali adottate dai Paesi a livello globale

dogane
Cosa cambia nelle dogane

MILANO – Alcuni aggiornamenti dal mondo per il settore agroalimentare e del beverage per quanto riguarda l’Unione Europea, l’Africa, il Nord America e l’America Latina: come stanno cambiando le norme dogane e le valute in seguito alla diffusione del Coronavirus a livello globale? L’emergenza sanitaria ha ovviamente avuto impatti importanti anche sul commercio e il modo in cui viene regolato tra i Paesi coinvolti dal contagio. Ad aiutare a fare chiarezza, interviene l’agenzia Ice.

Dogane: quali sono le misure eccezionali adottate

Il Ministro dell’Industria e del Commercio Egiziano ha approvato, in data 18.03.2020 che, ai fini dello sdoganamento, per gli importatori egiziani sara’ sufficiente presentare i documenti, in accompagno alle merci. Senza la vidimazione della Camera di Commercio e la legalizzazione delle Ambasciate Egiziane.

La misura riguarda le merci in arrivo dall’Ue e dagli altri Stati per venire in contro alle aziende importatrici Egiziane.

Tale decisione è stata presa alla luce dell’emergenza del Covid-19

Tuttavia, gli importatori dovranno presentare un’autodichiarazione sull’autenticità della documentazione presentata alla dogana.

Il suddetto decreto non esonera la presentazione del resto dei requisiti necessari allo sdoganamento.

(Ice il Cairo)