mercoledì 21 Febbraio 2024

È possibile consumare caffè durante la chemioterapia? La parola agli esperti

Il professor Lim Joo-han, specializzato in ematologia-oncologia presso l'Inha University Hospital: "Ci sono alcuni studi che hanno riportato effetti positivi e tutt’altro che negativi. Ci sono prove che il consumo di caffè non è dannoso nel contesto di temi come la sensibilità all'insulina, ma è difficile affermare quanto ne si dovrebbe bere e se è davvero salutare"

Da leggere

MILANO – Bere una tazza di espresso durante la chemioterapia influisce negativamente sul trattamento del cancro? Sulla base delle attuali ricerche sul caffè, la risposta è no. Secondo il professor Lim Joo-han, specializzato in ematologia-oncologia presso l’Inha University Hospital, l’effetto del consumo di caffè sui malati di cancro, in particolare quelli sottoposti a chemioterapia, non è del tutto chiaro.

La relazione tra il caffè e il cancro

In un video sul canale YouTube della Korean Society of Medical Oncology (KSMO TV), il professor Lim ha spiegato che al momento non c’è un chiaro consenso sulla questione.

Nonostante i numerosi studi condotti sui potenziali effetti del caffè sul trattamento del cancro, Lim ha affermato che è difficile trarre una conclusione definitiva.

“Ci sono alcuni studi che hanno riportato effetti positivi e tutt’altro che negativi”, ha detto Lim. “Ci sono prove che il consumo di caffè non è dannoso nel contesto di temi come la sensibilità all’insulina, ma è difficile dire quanto ne si dovrebbe bere e se è davvero salutare.”

Quindi, va bene per i malati di cancro bere caffè durante la chemioterapia? La risposta, secondo gli esperti, è sì.

“Quello che sappiamo per certo è che bere caffè non influisce negativamente sull’esito del trattamento dei malati di cancro, quindi è possibile consumarlo”, ha concluso Lim.

Ultime Notizie