Home Dati Colombia: l&#...

Colombia: l’export di febbraio ai massimi dal ’93, ma prodotto giù

Colombia export
Un raccoglitore di caffè in una piantagione colombiana

MILANO – Cifre record per l’export della Colombia: secondo la Federazione nazionale dei produttori di caffè (Fnc), le esportazioni hanno raggiunto, a febbraio, i livelli massimi degli ultimi 28 anni. La produzione è cresciuta, il mese scorso, dell’11% risalendo a 1,107 milioni di sacchi. Ciò porta il totale dall’inizio dell’anno a 2,188 milioni: il 7% in più rispetto al primo bimestre 2020. Tuttavia, la produzione degli ultimi 12 mesi (marzo 2020 – febbraio 2021) risulta in calo del 3%, a poco più di 14 milioni di sacchi, contro i 14,4 milioni dei 12 mesi precedenti.

Intanto, l’export di febbraio della Colombia vola a 1,275 milioni di sacchi

È il volume massimo dal 1993 a oggi. Le esportazioni dei primi due mesi dell’anno sono a loro volta in crescita del 10%, a 2,347 milioni. Quelle dei primi 5 mesi dell’annata caffearia corrente sfiorano i 6 milioni di sacchi e segnano un incremento lievissimo (+1%) rispetto a un anno fa.

L’export degli ultimi 12 mesi, però, si ferma a 12,732 milioni di sacchi, in calo del 5% sul pari periodo precedente.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.