Home Aziende CIMBALI DESIG...

CIMBALI DESIGNART WORKSHOP – Gli studenti dell’Accademia di Brera immaginano il futuro delle macchine professionali per il caffè espresso tra arte e design

MILANO – Giovedì 12 giugno nelle Ex Chiesa di San Carpoforo in Brera a partire dalle 17.30, esposizione dei lavori e cerimonia di consegna dei riconoscimenti agli studenti dell’Accademia di Brera attribuiti grazie al 1° Workshop Cimbali DesignArt.

Saranno presenti Fabrizia Cimbali e Federico Cimbali, entrambi AD del Gruppo, e il Professor Giuseppe Bonini, Vice Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera.

Il workshop Cimbali DesignArt nasce dalla volontà di Gruppo Cimbali, in collaborazione con il magazine di architettura e design IQD, di sostenere e incentivare la creatività delle giovani generazioni.

MAGAZZINI DEL CAFFE’
HOST

Gli studenti dell’Accademia sono stati chiamati a reinterpretare, spaziando tra arte e design, la macchina professionale per caffè espresso e ad immaginarne una possibile evoluzione.

I riconoscimenti sono stati assegnati secondo diversi criteri come “fattibilità”, “futuribilità” e “creatività”.

Il workshop è un esempio del forte impegno di Gruppo Cimbali nei campi della cultura, della ricerca e della formazione e s’inserisce nel quadro di iniziative culturali di largo respiro che l’azienda persegue fin dalla realizzazione di MUMAC, Museo delle macchine Professionali per caffè, presso il quale in settembre verrà organizzata una esposizione delle opere degli studenti di Brera affiancate a quelle che giungeranno dall’analoga iniziativa intrapresa anche con l’Accademia di Belle Arti Cignaroli di Verona.

L’evento sarà aperto al pubblico.

La commissione è composta da cinque docenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera (Prof. Antonio Ciurleo, Prof. Piero Orsi, Prof. Mauro Afro Borella, Prof. Domenico Nicolamarino, Prof. Antonello Pelliccia), da due rappresentanti di Gruppo Cimbali-MUMAC (Barbara Foglia, Stefano Bagiotti), dall’ufficio stampa MUMAC (Clio Arnoldi), dal direttore editoriale di IQD magazine (Roberta Busnelli).