Home Analisi di mercato Ci attende pe...

Ci attende per davvero una crisi del caffè? Possiamo evitarla ma dipenderà soprattutto da noi

crisi caffè coffea arabica varietà
Un arbusto di coffea arabica

MILANO – Ci attende realmente una crisi del caffè? Mutamento climatico e riduzione delle terre coltivabili potrebbero davvero mettere a rischio, nel giro di pochi decenni, raccolti e biodiversità? A lanciare un nuovo allarme è stato in queste settimane un reportage dell’autorevole sito informativo americano Vox, che descrive difficoltà e problemi con cui devono confrontarsi quotidianamente i coltivatori colombiani.

Ma anche vari report dall’America centrale, nei quali emerge la condizione drammatica dei piccoli produttori, aggravata dalla crisi attuale. Varie fonti hanno ripreso e rilanciato queste notizie – recuperando anche precedenti studi e analisi – e tracciando un quadro preoccupante sulla sostenibilità futura e sulla sopravvivenza stessa della coltura del caffè. In particolare degli arabica.

Allarmi in parte giustificati e concreti, condivisi e denunciati, a giusto titolo, anche dall’industria. I nostri lettori ricorderanno la famosa provocazione proposta due anni fa dal torrefattore finlandese Paulig, con Blend of 2080: il caffè senza caffè, creato da Matt Perger.

L’idea? Immaginare un mondo senza caffè in un futuro lontano, ma non lontanissimo: l’anno 2080 appunto. Come la carne senza carne di Beyond Meat? Decisamente no.

Perché lo scopo era proprio quello opposto: far capire come una miscela di vegetali, succedanea del caffè, sarà sempre e soltanto una scialba imitazione. Un surrogato sbiadito della vera bevanda.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.