CIMBALI M2
giovedì 18 Luglio 2024
  • CIMBALI M2

La California è plastic free: nel fast food, contro le tazze da caffè monouso

Da leggere

TME Cialdy Evo
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – La questione della plastica e degli oggetti monouso è un tema caldo in questo periodo nel nostro Paese. Lungo tutto lo Stivale infatti, sono attivi i primi esperimenti in vista dell’applicazione della Direttiva Europea e il “plastic free” sta diventando sempre più una realtà condivisa. Vediamo fuori dai nostri confini nazionali, in California per l’esattezza, come viene affrontato il rispetto per l’ambiente, riportando un articolo dal sito youfocustv.it, di Sofia Bianchi.

California, il paradiso del riciclo?

La Repubblica popolare di Berkeley, in California, è orgogliosa di esser in prima linea per tutto ciò che riguarda le iniziative civico-ambientali. La piccola città liberale a est di San Francisco è stata infatti una delle prime città degli Stati Uniti ad adottare il riciclaggio porta a porta. Ha vietato inoltre il polistirolo ed era in anticipo per l’impiego dei sacchetti di plastica. All’inizio di quest’anno, il Consiglio comunale di Berkeley ha messo in guardia la popolazione rispetto a un nuovo flagello ambientale: la tazza di caffè da asporto.

Circa 40 milioni di tazze usa e getta vengono gettate in città ogni anno

Questo secondo il Consiglio comunale, quasi una per abitante al giorno. Così, a gennaio, la città ha affermato che per i clienti che utilizzano una tazza da asporto sarà applicato un supplemento di 25 centesimi. “L’attesa non è più un’opzione”. Così ha detto all’epoca Sophie Hahn, membro del consiglio comunale di Berkeley che ha scritto la legislazione.

Travolti dalla spazzatura, le giurisdizioni di tutto il mondo stanno mettendo al bando contenitori e tazze di plastica da asporto monouso.

L’Europa ha affermato che le tazze per bevande in plastica devono scomparire entro il 2021

L’India ha previsto la loro esclusione entro il 2022. Taiwan invece, ha fissato una scadenza nel 2030. I rincari come quelli di Berkeley diventeranno sempre più comuni nel tentativo di cambiare rapidamente il comportamento dei consumatori prima di trovare ulteriori divieti.

Per catene come Starbucks, che attraversa circa 6 miliardi di tazze all’anno, questo rappresenta non meno di un dilemma esistenziale

Dunkin ‘ poi, si è recentemente ribattezzato per de-enfatizzare le sue origini da ciambella e ora produce quasi il 70 per cento delle sue entrate dalle bevande al caffè. Ma è anche un problema pressante per McDonald’s e l’industria del fast-food nel suo complesso.

I dirigenti sospettavano da tempo che questo giorno sarebbe arrivato. Per questo hanno lavorato per più di un decennio a un’alternativa più rispettosa dell’ambiente alla tazza di carta con rivestimento in plastica. A doppia parete e con coperchio di plastica.

Ma non è andata così bene

“Le caffetterie sanno che le tazze riutilizzabili sono una buona soluzione, ma in questo momento, in franchising, possono essere un “incubo operativo”. Così dice Murphy di Dunkin. I server infatti, non sanno mai se una tazza è sporca o se dovrebbero lavarla, ed è difficile sapere quanto è necessario riempire un caffè piccolo o medio in una tazza grande.

Una decina di anni fa, Starbucks si è impegnato a servire fino al 25% del suo caffè in tazze da viaggio personali

Da allora ha orientato i suoi obiettivi verso il basso. L’azienda offre uno sconto a chiunque porti la propria tazza, ma purtroppo, ancora solo circa il 5% dei clienti lo fa. L’anno scorso ha applicato temporaneamente un supplemento di 5 pence alle tazze usa e getta nel Regno Unito, che ha detto che l’aumento della coppa riutilizzabile usa il 150 percento.

Quindi le aziende continuano a lavorare su una tazza migliore

Ci sono voluti nove anni per Dunkin ‘ per trovare un’alternativa alla sua tipica tazza di schiuma. Un primo tentativo richiedeva nuovi coperchi, essi stessi difficili da riciclare. I prototipi realizzati con materiali riciclati al 100% si sono piegati e rovesciati sul fondo. Con una tazza fatta di fibre di funghi prometteva di decomporsi facilmente. Tuttavia, questa soluzione era troppo costosa per adattarsi a grandi volumi.

La catena scelse infine una coppa di carta rivestita di plastica a doppia parete. Abbastanza spesso da proteggere le mani dei pescatori senza una custodia esterna e compatibile con i coperchi esistenti. Sono fatti di carta proveniente da fonti etiche e biodegradabili. Ma questo è tutto – sono più costosi da fare e non sono più riciclabili.

I bicchieri di carta sono notoriamente difficili da riciclare

I riciclatori si preoccupano che le fodere di plastica rimuovano le loro macchine, quindi le spediscono quasi sempre nella spazzatura. Tre macchine “batch pulper” in Nord America sono in grado di separare il rivestimento in plastica dalla carta.

Se le città possono migliorare il riciclaggio su una scala di massa, circa 1 tazza di caffè in 25 può essere riciclata in pochi anni, da 1 su 400. Questo secondo il gruppo di recupero e riciclaggio di coppe di carta del Regno Unito. Questo è un grande “se”. I consumatori di solito lanciano le loro tazze di caffè attaccate ai loro coperchi di plastica, che devono poi essere separati prima di poter essere riciclati, separatamente.

Un’ondata di divieti di sacchetti di plastica ha ispirato i nuovi sforzi per frenare la spazzatura della tazza

Dunkin ‘dice che sta lavorando con i comuni per assicurarsi che le tazze che possono essere riciclate in realtà lo saranno. “È un viaggio – non credo che finirà mai”, dice Murphy di Dunkin. Di recente, McDonald’s ha collaborato con Starbucks e altri ristoranti con servizio rapido per sostenere la NextGen Cup Challenge da 10 milioni di dollari Usa.

Per sviluppare, accelerare e scalare una tazza più sostenibile da portare avanti. A febbraio, il concorso ha annunciato 12 vincitori. Il risultato sono state delle tazze realizzate in cartone compostabile e riciclabile. Tramite lo sviluppo di un rivestimento a base vegetale che potrebbe mantenere liquido e schemi volti a incoraggiare l’uso riutilizzabile della tazza.

“Stiamo cercando soluzioni che siano commercialmente valide a breve termine e che siano ambiziose”, ha dichiarato Bridget Croke. Vicepresidente per gli affari esterni presso Closed Loop Partners, una società di investimento focalizzata sul riciclaggio che sta gestendo la sfida.

Una tazza che può degradarsi più rapidamente sarebbe una soluzione

Infatti, il divieto europeo fa un’eccezione per le tazze compostabili che si disintegrano in 12 settimane. Così come per una tazza che fosse subito disponibile ed economica: questo perché negli Stati Uniti gli impianti di compostaggio necessari per abbatterli non sono sufficienti. E quindi, il materiale di scarto viene indirizzato verso le discariche, dove non si decompongono affatto.

Nel corso della riunione annuale del 2018, Starbucks ha tranquillamente testato una tazza di caffè ricavata dalle parti riciclate di altre tazzine da caffè. Ampiamente considerata il Santo Graal della tazza di caffè. È stato un atto di performance artistica come qualsiasi altra cosa.

Al fine di progettare la corsa limitata, la catena del caffè ha raccolto camion di tazze e le ha inviate per la lavorazione a un batcher Sustana in Wisconsin. Da lì, le fibre viaggiarono verso una cartiera West Rock in Texas per essere trasformate in tazze, che furono poi stampate con loghi da un’altra società.

Anche se la tazza che ne derivava fosse migliore per l’ambiente, il processo utilizzato per realizzarlo non lo era certamente

“C’è una grande sfida ingegneristica qui”, ha detto Closed Loop’s Croke. “È stato chiaro che le soluzioni alle quali le aziende hanno lavorato per risolvere questo problema non sono state abbastanza veloci.”

Quindi i governi, come quelli di Berkeley, non stanno aspettando

Il comune ha avuto un confronto preliminare con i residenti e così ha scoperto che avrebbe coinvolto senza problemi più del 70 per cento di loro. Avrebbero portato le proprie tazze con un supplemento di 25 centesimi. Così ha detto Miriam Gordon, direttore del programma del gruppo no profit Upstream, che ha aiutato Berkeley a scrivere la legislazione.

L’operazione è pensata come un esperimento sul comportamento umano, piuttosto che una tassa tradizionale

I coffee shop di Berkeley mantengono i costi aggiuntivi e possono persino abbassare i loro prezzi in modo che il prezzo per il consumatore rimanga lo stesso. Devono solo essere chiari sul fatto che esiste un sovrapprezzo. “Deve essere visibile al cliente”, ha detto Gordon. “Questo è ciò che motiva le persone a cambiare comportamento”. Così ha detto Scott Murphy, COO di Dunkin ‘Brands Group. Che passa attraverso 1 miliardo di tazze di caffè all’anno.

Sta quindi lavorando alla riprogettazione della coppa della catena. nel 2010. Quest’anno i suoi negozi stanno finalmente facendo il passaggio ai bicchieri di carta. E continuano a armeggiare con nuovi materiali e disegni.

“È un po ‘più complicato di quanto non si creda per le persone”, afferma Murphy. “Quella tazza è una relazione che abbiamo instaurato con il nostro consumatore. È una parte importante del nostro marchio e del nostro patrimonio.

Le tazze monouso sono un’invenzione relativamente moderna

Circa 100 anni fa, i sostenitori della sanità pubblica erano ansiosi di bandire un diverso tipo di tazza: la nave da bere pubblica, una teglia condivisa o una tazza di vetro lasciata vicino alle fontanelle. Quando Lawrence Luellen brevettò una tazza usa e getta foderata di cera, la considerò un’innovazione nell’igiene. Una misura profilattica per contrastare malattie come la polmonite e la tubercolosi.

La cultura del caffè da fare non è emersa fino a molto tempo dopo

McDonald’s ha proposto un’offerta per la colazione a livello nazionale verso la fine degli anni ’70. Poco più di un decennio dopo, Starbucks ha aperto il suo cinquantesimo negozio. Insieme a Dunkin ‘, i tre ora vendono annualmente circa $ 20 miliardi di caffè. Secondo una stima dell’analista di BTIG Peter Saleh.

Nel frattempo, aziende come Georgia-Pacific e International Paper sono cresciute insieme al mercato delle tazze monouso, che ha raggiunto 12 miliardi di dollari nel 2016. Entro il 2026, si prevede che sarà più vicino a 20 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti rappresentano circa 120 miliardi di tazze di caffè in carta, plastica e schiuma ogni anno

Ovvero circa un quinto del totale mondiale. Quasi tutti – 99,75% – finiscono come spazzatura, dove persino i bicchieri di carta possono impiegare più di 20 anni per decomporsi.

Un’ondata di divieti di sacchetti di plastica ha ispirato i nuovi sforzi per frenare la spazzatura della tazza. I contenitori per alimenti e bevande sono un problema molto più grande.

Avolte generano 20 volte la spazzatura che i sacchetti di plastica fanno in qualsiasi locale. Ma tornare a borse di stoffa riutilizzabili è relativamente facile. Con le tazzine da caffè, non ci sono alternative semplici. Berkeley sta incoraggiando i residenti a portare una tazza da viaggio, e sia Starbucks che Dunkin fanno sconti a chi lo fa.

CIMBALI M2

Ultime Notizie

  • Water and more
  • Carte Dozio