Home Notizie Interviste Cafetto: dall...

Cafetto: dall’Australia la gamma di soluzioni per pulire le macchine del caffè pure in Italia

cafetto

MILANO – In occasione del Sigep 2019 a Rimini, abbiamo incontrato Chris Short, patron di Cafetto. Un’azienda specializzata nei prodotti per la pulizia delle macchine del caffè. La cui sede principale si trova in Australia.

Vendete in tutto il mondo?

“Esatto. Vendiamo in Europa, Asia, nel Medio Oriente, nel Nord e Sud dell’America. E, ovviamente anche in Australia e Nuova Zelanda. Le aziende che riforniamo in Italia sono  Evoca, Dvg a Rocket espresso.”

Quali sono le caratteristiche principali dei vostri detergenti rispetto agli altri?

“Sicuramente uno degli aspetti chiavi è il biologico: infatti abbiamo molti prodotti biologici disponibili per quasi tutti i tipi di macchine del caffè esistenti al mondo. L’altro aspetto è che siamo una delle poche aziende che possono veramente fornire un prodotto adatto sì a ogni tipo di macchina, professionale e da casa, ma che sia reperibile sia nella formula tradizionale che in quella biologica..”

FRANKE
BAZZARA

Quali sono le categorie dei vostri prodotti?

“Abbiamo soluzioni sia per le macchine del caffè tradizionali che per le super automatiche. Produciamo tablet anche per la pulizia de milk system, la decalcificazione e per la sanitificazione. In estate, proprio in Italia e subito dopo in tutta Europa, abbiamo cominciato a proporre una linea speciale dedicata al Cold Brew e il Nitro system. Ma ci occupiamo anche del gelato.”

Chris Short
Chris Shrt patron di Caffetto

Il latte in effetti è un problema per le macchine del caffè

“E’ un aspetto critico in particolare quando il latte finisce nel bollitore. Quindi è essenziale, specialmente con il latte fresco, mantenere gli standard igienici. Per questo è importante occuparsi regolarmente ogni giorno della pulizia, avvalendosi di un detergente adatto per questa esigenza specifica.”

Perché in Europa si dovrebbe acquistare un detergente prodotto in Australia?

“Le ragioni sono due ragioni. Innanzitutto oggi ci troviamo in un mondo fortemente globalizzato. Quindi i prodotti manifatturieri ormai possono giungere da ogni dove. L’altro aspetto riguarda invece la durezza dell’acqua australiana, che ci ha obbligati a trovare soluzioni per condizioni estreme, particolari. Lo stesso tipo di acqua caratterizza gran parte dell’Europa, quindi le nostre soluzioni si prestano bene a questo territorio. In più, il nostro è un team molto affidabile e solido. È sempre pronto quando ce n’è bisogno.”

Come mai ha deciso di lavorare nel settore della pulizia delle macchine del caffè?

Chris Short
Chris Short, patron di Cafetto con la moglie

“Una volta ho vissuto per anni a Melbourne, che è un posto importante per il caffè. Dopo aver abitato lì per un po’ di tempo, sono tornato nella mia città natale, dove però volevo replicare la stessa esperienza del caffè che avevo vissuto a Melbourne. Dunque ho deciso di comprare una macchina professionale e così ho scoperto che necessitava di strumenti per pulirla specifici. Allora ho iniziato a cercare il miglior prodotto per lo scopo. Sostanzialmente, direi che la mia professione nasce dalla mia passione per il caffè.

Il mercato del caffè poi è molto creativo. Ci sono molte industrie produttrici di macchine e tante aziende del caffè. Ma non è lo stesso quando si parla di produttori di articoli per la pulizia di queste attrezzature. Quindi, da questo punto di vista, direi che questo è il mio contributo speciale all’intero settore.”

Il caffè potrebbe esser modificato nell’assaggio dai detergenti

“Sì. Ovviamente, se resta qualsiasi tipo di residuo chimico allora andrà a intaccare il sapore del caffè. Quindi, uno dei nostri obiettivi è di sicuro quello di portare a termine un buon lavoro di pulizia, garantendo però che ogni residuo chimico venga rimosso dalla macchina.”

Cosa ci può dire rispetto ai programmi futuri

“Abbiamo in cantiere già un po’ di prodotti che vorremmo già presentare durante il corso di quest’anno. Magari trovandoli pronti già per il World of Coffee di Berlino. Inoltre, esibiremo di sicuro queste novità a Host in ottobre.