Home Dati Brasile: expo...

Brasile: export di marzo vicino ai 3,5m di sacchi, nonostante i problemi logistici per il Covid-19

export Brasile
Un sacco di caffè brasiliano

MILANO – L’export del Brasile si mantiene a livelli record, ma subisce un lieve rallentamento, dovuto più alle problematiche logistico-commerciali, che alla disponibilità di materia prima. Secondo i nuovi dati mensili di Cecafé, le esportazioni di caffè in tutte le forme hanno infatti subito a marzo una flessione dell’1,6% risultando pari a 3.438.538 sacchi, non lontano dunque dal dato record dell’anno scorso.

A calare è l’export di caffè verde, che supera comunque i 3 milioni di sacchi attestandosi – per l’esattezza – a 3.067.947 sacchi da 60 kg, in flessione del -2,7% rispetto a marzo 2020.

I minori imbarchi si registrano esclusivamente sul fronte degli arabica, con un calo del 6,3%, a 2.716.212 sacchi.

Cresce ancora, invece, l’export di robusta, che raggiunge i 351.735 sacchi (+38,7%).

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.