Home Estero Brasile, alle...

Brasile, alle radici del chicco: 5 caffetterie da vedere a San Paolo

Secondo il Ministero dell'Agricoltura, il consumo mondiale di caffè è stato stimato in 165 milioni di sacchi da 60 kg per un periodo di 12 mesi e in Brasile, il più grande produttore ed esportatore di caffè, il consumo è stato stimato in 21 milioni di sacchi all'anno. Che rappresenta circa il 13% di ciò che si beve sul pianeta. Il governo ha creato un programma di qualità e certificazione "Abic"

Brasile piogge
La raccolta di caffè nel Cerrado (Brasile)

MILANO –  Come si beve il caffè in Brasile? Una curiosità più che lecita in quanto questo Paese sudamericano è il primo produttore mondiale e da poco è diventato anche il secondo consumatore preceduto solo dagli Stati uniti. Una popolazione di coffeelover a tutto tondo: bevitori e coltivatori del chiccho, possono sicuramente dare ripetizioni agli italiani in fatto di modalità di consumo, fornendo qualche nuovo spunto all’espresso made in Italy e rinnovando la tradizione a partire da uno dei suoi luoghi d’origine. Leggiamo l’articolo sul tema dal sito sao-paulo.inhotels24.it.

Brasile: il caffè era il principale prodotto di esportazione dell’economia nel XIX secolo e all’inizio del XX secolo

Le prime radici del caffè furono piantate nel 18 ° secolo, quando la pianta fu riportata da Francisco de Melo Palheta nel 1727. La produzione di caffè in Brasile si sviluppò dall’inizio del 19 ° secolo da nord a sud, attraversando le province di Rio de Janeiro e San Paolo. Nel paese del caffè, la cultura è stata caratterizzata essenzialmente da una monocultura orientata all’esportazione.

Nel 1836 e nel 1837 la produzione di caffè superò la produzione di zucchero, rendendo il caffè il principale prodotto di esportazione. All’epoca era quindi uno dei pilastri principali della società brasiliana. Ha garantito l’accumulazione di capitale per l’urbanizzazione di alcune località del Brasile, come Rio de Janeiro, San Paolo e le città dell’interno di San Paolo.

Secondo il Ministero dell’Agricoltura, il consumo mondiale di caffè è stato stimato in 165 milioni di sacchi da 60 kg per un periodo di 12 mesi.

E in Brasile, il più grande produttore ed esportatore di caffè, il consumo è stato stimato in 21 milioni di sacchi all’anno

Che rappresenta circa il 13% di ciò che si beve sul pianeta. Il governo ha creato un programma di qualità e certificazione “Abic”. Il programma mira a monitorare la qualità del caffè. In alcune confezioni troverai la certificazione con un piccolo logo o, con l’applicazione gratuita “deolhonocafé”, potrete controllare tramite codice a barre se il caffè è certificato o meno. Essendo certificato Pqc, il consumatore può accedere a funzionalità quali tipo di bevanda, torrefazione, aroma e aroma.

Coffee Lab è un vero laboratorio del caffè, dove i grani selezionati vengono testati fino alla miscela perfetta. Prova uno dei rituali di degustazione sul menu e l’esperienza sarà unica. Per coloro che preferiscono non rischiare i loro sapori, la casa offre ottimi cappuccino o macchiati in stile italiano

Caffe Urbe

Nella regione di Rua Augusta, il bar Urbe unisce un’atmosfera cosmopolita a una passione nazionale: il caffè. Inaugurata nel novembre 2011, la casa è pioniera tra le caffetterie “dal campo al taglio”, vale a dire che controlla l’intera catena di produzione: semina, torrefazione e servizio. Oltre al caffè, l’Urbe è anche conveniente, serve la clientela della regione del brunch a fine notte senza una pausa.

Sofa Café è nato nel 2011, dall’idea di un ingegnere forestale che non poteva passare una giornata senza la sua dose di caffeina

Il concetto era semplice: creare una caffetteria con caffè speciali e servirli in un ambiente che ti ricorda il divano di casa. Il posto è oggi considerato uno dei migliori caffè di San Paolo e ha due unità nella capitale.

Il Santo Grão è uno dei primi caffè gourmet a San Paolo e i suoi negozi sono distribuiti in diverse parti della città. Prova la meravigliosa degustazione di caffè, che può essere scelta nelle versioni express e coado. Il cappuccino freddo della casa, accompagnato da una fetta di torta di carote, è un’altra grande richiesta.

Octavia Cafè

Questa imponente proprietà, situata a Faria Lima da dieci anni, fa parte del patrimonio familiare del caffè Quércia. Fu aperto in onore di Octavio, il patriarca, che dagli anni ’40 ha ampliato le piantagioni dell’area di Pedregulho. Sono principalmente le fattorie di famiglia che forniscono al negozio cereali divisi in tre righe: i classici (che includono miscele), i microlotti (selezionati per varietà: obatan, catuaí, bourbon, ecc.) E le origini (che include il caffè Jacu Bird, grani espulsi nelle feci dall’uccello Jacu, a Espírito Santo). Ci sono anche bevande alcoliche con caffè, come il vecchio obatan, con whisky, birra scura, scorza d’arancia e caffè freddo.