lunedì 27 Settembre 2021

Bonacchi: un caffè socialmente responsabile nella Finca Rio Colorado

Il progetto ha lo scopo anche di coinvolgere il più possibile la comunità locale  trasferendo pratiche agricole più moderne, metodi di fertilizzazione indirizzati al rispetto della natura, programmi orientati al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione locale, formazione professionale sulla filiera di produzione di un buon caffè con classi di formazione rivolte al contadino e al barista

Da leggere

MILANO – Si può costruire un nuovo modello di business nel mondo del caffè, che tenga insieme qualità e responsabilità sociale lungo tutta la filiera? La risposta arriva dalla startup b.farm, che può contare sulla conoscenza di tutta la filiera del caffè, dalla coltivazione in piantagione al prodotto finito. La proposta possibile è quella di un modello di business innovativo, che riesca ad unire la conoscenza, la qualità e la responsabilità sociale.

Sandro Bonacchi racconta un esempio concreto di questo connubio, nella storia del coltivatore Francisco Villeda detto Panchito, ovvero il capataz della piantagione Finca Rio Colorado acquistata nel 2017 da Umami Area Honduras S.A. de C.V. – società di capitale privato costituita da 27 soci di tre nazioni differenti (Italia, Germania e Honduras).

Finca Rio Colorado: una realtà che esiste all’insegna della responsabilità sociale

Ad oggi i soci sono 39 e le nazioni cinque -, rappresenta al meglio l’icona del produttore di caffè. Il progetto nasce dalla volontà dei soci, provenienti da esperienze professionali differenti e dimostra che la produzione di caffè di qualità può essere sostenibile da un punto di vista imprenditoriale, finanziario, sociale, ambientale e di coinvolgimento della comunità locale. Umami Area Honduras S.A. de C.V. ha acquistato una piantagione di caffè esistente con un’estensione di 45 ettari delimitata da due fiumi, Rio Colorado e Rio Aruco. Posizionata nella regione di Copán, nell’Honduras occidentale, vicino al confine con Guatemala ed El Salvador.

L’appezzamento di terra si trova nella cosiddetta “buffer zone” adiacente al parco nazionale del Celaque, riconosciuto patrimonio dell’umanità Unesco. Nella compagine societaria è presente anche il capataz della piantagione, un piccolo produttore locale che è stato assunto con regolare contratto di lavoro; la quota di capitale sociale che egli avrebbe dovuto versare alla costituzione della società non era nella sua disponibilità e quindi la sua quota di partecipazione è stata ripagata nei primi due anni a piccole rate mensili, detratte dallo stipendio.

Finca Rio Colorado e non solo: il progetto ha lo scopo anche di coinvolgere il più possibile la comunità locale

Trasferendo pratiche agricole più moderne, metodi di fertilizzazione indirizzati al rispetto della natura, programmi orientati al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione locale, formazione professionale sulla filiera di produzione di un buon caffè con classi di formazione rivolte al contadino e al barista.

Produrre caffè di qualità, inteso come sostenibile da un punto di vista imprenditoriale e finanziario, ma anche sociale, ambientale e di coinvolgimento della comunità locale si può.

Occorre però ripensare il modello produttivo comunemente applicato a questo prodotto. Di questa pratica esiste un auto-disciplinare, non c’è una certificazione del prodotto finito da parte di un ente terzo, ma ci sono procedure messe in pratica direttamente nella nostra piantagione in Honduras, Finca Rio Colorado (gestita dalla società Umami Area Honduras), e lungo tutto il resto della filiera.

Attenzione su tutta la catena di produzione non solo sul prodotto finito.

Produciamo un caffè buono dal seme alla tazzina, pagato adeguatamente e prodotto in modo sostenibile, per chi lavora in piantagione e per le pratiche agricole a salvaguardia dell’ambiente. Attualmente il prezzo di Arabica e Robusta è stabilito nelle borse merci, rispettivamente di New York e Londra, come una qualsiasi commodity che subisce le fluttuazioni e le speculazioni del mercato e non tiene certo in considerazione che si tratta di un prodotto agricolo.

Questo si traduce inevitabilmente in un prezzo del caffè costantemente basso, che non tiene conto del lavoro dell’agricoltore. Una porzione di denaro troppo bassa al coltivatore, oltre ad essere iniqua, ha ulteriori conseguenze: a livello ambientale, costringerà il farmer a intensificare la produzione; utilizzando pesticidi chimici che proteggano il raccolto da malattie e parassiti e consumando suolo per impiantare nuova coltivazione.

Di conseguenza anche acqua, perché le piante ad alto fusto presenti saranno abbattute per far spazio a nuova terra da coltivatore, il che renderà certamente necessaria una maggiore irrigazione. Il tutto a discapito della qualità e della salute, per condurre pratiche agrarie intensive, perché il coltivatore francamente non è interessato ad ottenere un prodotto piuttosto che un altro, migliore o peggiore, ciò che conta è la resa.

Un prezzo più elevato, oltre ad essere etico nei confronti del lavoratore, permetterà quindi anche una maggiore affezione alla terra. 

E quindi una sua ulteriore salvaguardia, perché il terreno non sarà obbligato a “produrre a ogni costo”, ottenendo una migliorata salubrità generale, anche a beneficio degli stessi consumatori finali.

Il suolo “extra” finora consumato per il mantenimento di un determinato livello di produttività è già oggetto di un’azione intensiva di riforestazione e in tutta la piantagione saranno sperimentate nuove pratiche e lavorazioni agricole naturali, senza l’utilizzo di pesticidi.

Un adeguamento del compenso è già affiancato da percorsi di formazione al coltivatore

In modo che impari a conoscere il prodotto finale per ottimizzare le pratiche di lavoro; la stragrande maggioranza dei farmer non ha mai bevuto un caffè preparato con metodo espresso, molti si fermano al filtro, tutti si accontentano di un surrogato solubile o degli scarti di lavorazione, tostati sul fuoco, macinati a mano, messi a bollire sul fuoco e poi – non sempre – filtrati.

Conoscere il prodotto finito e i diversi metodi di estrazione, permetterà di individuare pregi e difetti; consentendo così di apportare correttivi nelle pratiche agricole. La formazione è sostenuta dal reinvestimento di parte dei proventi della vendita del caffè da parte dei soci della cooperativa che ha già istituito un centro di formazione permanente a Las Capucas, ed è in grado di garantire anche educazione di base per donne e bambini.

Caffè socialmente sostenibile: la giusta attribuzione di prezzo sarà direttamente concordata tra coltivatore, trader e torrefattore

In modo che il margine non si disperda in troppi passaggi di mano. La sostenibilità dovrà essere poi attuata anche nel paese di consumo, adeguando il pagamento della tazzina al valore qualitativo del prodotto offerto; garantendo sostenibilità anche al lavoro del barista. La maggiorazione di prezzo praticata al consumatore sarà proporzionalmente ripagata (esattamente come all’altro estremo della filiera) in termini di formazione all’operatore finale con un conseguente miglioramento del livello di preparazione della bevanda.

Un caffè è socialmente responsabile in tazza se tutta la filiera ha compiuto un’azione di (auto) responsabilità sociale, non obbligando il farmer a spendere soldi – che non ha – da corrispondere a un’agenzia di certificazione di prodotto: questa per noi è una corretta pratica imprenditoriale che fa da corollario alla produzione di un buon caffè in un paese di origine.

Per rendersi conto in prima persona del valore del progetto è possibile fare un viaggio formativo in piantagione

Dieci giorni presso Finca Rio Colorado, Honduras in cui compiere un vero percorso integrato sul caffè, dalla pianta alla tazzina. Il programma prevede un modulo in cui imparare i vari processi agricoli del caffè e poi formazione altamente qualificata sui moduli professionali del Coffee Diploma System.

Ultime Notizie