Un viaggio in Bolivia, la città di Sucre è considerata la capitale del cioccolato

Mentre la foresta amazzonica ha le condizioni ideali per la crescita del cacao, Sucre ha quelle perfette per la produzione di cioccolato: tempo mite che rimane relativamente stabile durante tutto l'anno. In un periodo in cui non esistevano condizionatori d'aria, il clima era cruciale durante la lavorazione di un prodotto facilmente scioglibile

MILANO – Per chi è amante del cioccolato è interessante conoscere il cacao della Bolivia. Un Paese dove esiste una cultura della materia prima importante e che trova come punto di riferimento la città di Sucre (un nome che suggerisce già una buona dose di dolcezza). I sapori insomma non mancano e neppure le località suggestive: andiamo alla scoperta di queste terre lontane per esplorare le origini di un prodotto che fa venire l’acquolina in bocca. Dall’articolo di Vanesa Zegada su itinari.com.

Bolivia: ecco il cacao dell’amazzonia

Cominciamo con la chiave, la materia prima per un buon cioccolato: il cacao!

Raccolta del cacao selvatico
Attualmente, oltre il 40% del territorio boliviano è coperto da terre tropicali, ed è proprio lì che cresce il cacao. L’obiettivo del Paese non è la produzione di massa, ma il mantenimento dell’alta qualità del prodotto. Infatti, il 40% del raccolto di cacao in Bolivia è selvatico, il che significa che gli alberi nascono e crescono senza l’intervento dell’uomo: un passo avanti rispetto all’agricoltura biologica o ecologica. Il cacao selvatico ha frutti più piccoli e genera una resa inferiore rispetto al cacao ibrido, che viene utilizzato nella produzione di massa.

Le sue caratteristiche aromatiche danno il risultato di un sapore superiore

In alcune comunità indigene delle terre tropicali, il cacao fa parte della vita quotidiana. Non è impiegato solo come alimento, ma anche come medicina. Anche il profitto è essenziale per il Paese, ed è per questo che oggi migliaia di famiglie vivono, generazione dopo generazione, della raccolta di questo prodotto.

Bolivia: Sucre, la capitale del cioccolato

Mentre la foresta amazzonica ha le condizioni ideali per la crescita del cacao, Sucre ha quelle perfette per la produzione di cioccolato: tempo mite che rimane relativamente stabile durante tutto l’anno. In un periodo in cui non esistevano condizionatori d’aria, il clima era cruciale durante la lavorazione di un prodotto facilmente scioglibile.

È così che la produzione di cioccolato a Sucre è iniziata diversi secoli fa

Quando Potosí, il luogo con il più grande deposito d’argento dell’epoca, era un grande mercato per questo delizioso prodotto.La gente di Sucre, inevitabilmente, si innamorò del cioccolato, e i metodi di produzione e le ricette furono continuamente migliorati. Con il tempo, il cioccolato divenne parte dell’identità della città. Oggi si può trovare un negozio di cioccolato in quasi ogni angolo del centro della città. Di conseguenza, la città fu soprannominata “La capitale del cioccolato”.

Cioccolatini con identità boliviana

Le opzioni di sapori tradizionali e innovativi possono far impazzire chiunque. E, naturalmente, c’è un’infinita varietà di cioccolatini con ingredienti di identità boliviana: dalle noci amazzoniche e foglie di coca delle terre tropicali alla quinoa e all’amaranto degli altipiani. Si possono trovare anche cioccolatini speziati con pepe ají delle valli del paese… e persino cioccolatini con sale delle Saline di Uyuni!

Il Museo del Cioccolato

Infine, se siete appassionati di cioccolato, non perdetevi la visita al Museo del cioccolato di Sucre, che appartiene a “Para Ti”. Una delle più note marche di cioccolato del paese. In questo luogo affascinante, potrete conoscere la raccolta del cacao e la produzione di cioccolato in Bolivia, finendo, naturalmente, con una degustazione di cioccolato!