domenica 03 Luglio 2022

Bazzara riduce la plastica a favore dell’alluminio con le capsule Dodicigrancru

La nuova veste plastic free dei mono porzionati firmati Bazzara si colloca all’interno del processo di conversione integrale dell’impresa caffeicola verso la sostenibilità, intesa come pilastro portante del proprio paradigma di business.

Da leggere

TRIESTE – Bazzara, storica torrefazione triestina a conduzione familiare, è ormai da diversi anni impegnata nella conversione di tutti gli ambiti aziendali verso un sistema virtuoso di gestione che rispetti i più alti standard e obiettivi in termini di sostenibilità.  All’interno di questo percorso, che ha già all’attivo ad esempio una menzione speciale per l’ambiente come realtà regionale virtuosa nel 2021, il cambio di ragione sociale in società benefit, le numerose certificazioni tra cui Bio e Fairtrade, si colloca anche il nuovo processo verso un’azienda plastic free, a partire anche dai prodotti, in particolare quelli monodose.

Le capsule Dodicigrancru

I prodotti monodose ad oggi la fanno da padrone, ma chiaramente un maggior consumo implica anche una maggior produzione di rifiuti, che non sempre sono eco-friendly.

Per contribuire quindi all’abbattimento dell’impatto ambientale, la Bazzara rilancia quindi sul mercato uno dei suoi prodotti di punta, ovvero le nuove capsule Dodicigrancru compatibili Nespresso in una nuova veste, autoprotette e in alluminio.

Le proprietà dell’alluminio

L’alluminio, infatti, oltre ad essere infinitamente riciclabile ed il suo riciclo consente a sua volta di risparmiare circa il 90% dell’energia necessaria per produrlo partendo dalla materia prima, allunga anche la shelf life del prodotto, mantenendo al contempo inalterato l’aroma del caffè.

In questo modo, le capsule monodose rispondono all’obiettivo di eliminare la plastica monouso, finalità che la torrefazione sta portando avanti all’interno dell’azienda non solo per quanto riguarda i prodotti in vendita ma anche, ad esempio, all’interno del proprio processo logistico.

Un esempio? La conversione di tutti gli imballaggi secondari in carta certificata FSC, ovvero proveniente da materiale di riciclo o scarto per contribuire a migliorare la conservazione delle risorse forestali.

Conversione che ha coinvolto anche la confezione stessa delle capsule, a sua volta certificata appunto FSC e, grazie al nuovo design, un packaging che presenta dimensioni ridotte rispetto ai precedenti, consentendo una razionalizzazione dei volumi, processo fondamentale per l’ottimizzazione dei trasporti.

Le capsule verranno proposte in astucci da 10 capsule ciascuno, vendibili singolarmente, e in una master “salvaspazio” contenente 10 astucci.

L’impegno di Bazzara per la sostenibilità

E se si pensa alla carta, non si può appunto dimenticare da dove viene. Questa semplice riflessione, unita all’appello lanciato da più parti sull’urgenza di contenere le enormi emissioni di Co2 del pianeta, ha guidato le azioni aziendali di supporto alla riforestazione come pratica volontaria e costante da ormai due anni a questa parte.

Già da diversi anni, la Bazzara, che da sempre esporta miscele di alta qualità all’estero, propone sul mercato italiano la miscela più pregiata della propria linea di prodotti, il Dodicigrancru, declinata in cialde e capsule compatibili.

Entrambi i prodotti danno l’opportunità di degustare anche a casa la miscela Dodicigrancru: un espresso che propone uno straordinario equilibrio fra 12 delle migliori Coffea Arabica al mondo, garantendo una perfetta armonia tra acidità e amarezza, accoppiata con un retrogusto speziato e sapori che ricordano il cioccolato fondente. Per saperne di più cliccare qui.

Ultime Notizie