CIMBALI M2
lunedì 22 Luglio 2024
  • CIMBALI M2

Bancomat: ecco che cosa fare se il barista lo nega al cliente. Pagare più tardi

E' possibile non saldare il conto al bar il titolare dell’attività commerciale non rende disponibile un Pos per il pagamento con carta?

Da leggere

TME Cialdy Evo
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Torniamo ad occuparci dell’uso del bancomat al bar, anche per piccoli pgamenti, un esresso per esempio. Lo prevede la legge. Dopo gli articoli dalla parte dei baristi ora è la volta di un intervento dalla parte del consumatore che paga.

Una situazione piuttosto comune a chi è solito frequentare i bar, è l’esser a corto di contanti. Spesso si decide di ripiegare con un pagamento di “salvataggio”. Ovvero, il saldo del conto tramite l’uso della carta. Pagare con il bancomat d’altronde ormai non è solo una possibilità. Da tempo, i baristi dovrebbero esser obbligati a fornire al cliente il Pos. Ma, cosa succede quando il titolare non rende disponibile questo servizio?

Pagare col bancomat o non pagare per niente?

Spesso infatti, è capitato di sentire questa giustificazione: il conto è troppo basso per pagare con la carta; quindi, gran parte dell’utile sarebbe assorbito dalle commissioni bancarie.

Ma cosa prevede la legge in questi casi? Che fare insomma, se il barista si rifiuta di far pagare con il bancomat? La questione è estremamente delicata ed al centro di un vivo dibattito proprio negli ultimi mesi.

Tuttavia, già dal dal 1° gennaio 2016 gli artigiani, commercianti e professionisti devono accettare per legge i pagamenti effettuati attraverso carte di debito (bancomat) o di credito.

Abolito per legge il limite di 30 euro

Sotto il quale, in precedenza, il titolare del negozio poteva imporre il pagamento in contanti. Oggi, quindi, non è possibile rifiutare il pagamento con Pos per qualsiasi tipo di importo, anche quello minimo.

L’unico caso in cui è possibile rifiutare la transazione con carta è dimostrare una «oggettiva impossibilità tecnica». Il che potrebbe ricorrere nel caso di assenza di connessione o di mancato funzionamento del registratore di cassa.

Il punto però è che la legge, pur avendo stabilito l’obbligo del commerciante, artigiano e professionista di accettare il Pos, non ha definito le sanzioni in caso di inottemperanza.

Per esse si attendevano i decreti attuativi del Ministero dell’Economia, decreti mai emanati. Così tutto è rinviato alla legge di Bilancio per il 2018. Nella quale sembra che verranno inserite sanzioni da 30 euro.

Al via le segnalazioni dei “trasgressori di Pos”

Ad oggi quindi, il cliente che voglia pagare con il Pos non potrà segnalare il barista alle autorità, né potrà rifiutarsi di pagare. Detto in parole povere, il debito non gli viene “abbuonato” solo perché il bar non ha un Pos.

Tutt’al più il cliente può chiedere di pagare il conto in un momento successivo. Magari il giorno dopo o la settimana successiva, in attesa di andare al bancomat e prelevare il denaro necessario a estinguere il debito.

Il titolare dell’attività commerciale non potrà impedirglielo né tantomeno potrà pretendere interessi per il pagamento ritardato; essendo dipeso ciò da una sua colpevole omissione.

CIMBALI M2

Ultime Notizie

  • Water and more
  • Carte Dozio