CIMBALI M2
lunedì 17 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Apple cerca per la sua caffetteria interna un Barista specialista di Latte art

Il colosso dei computer e della telefonia mobile è alla ricerca di un barista per le proprie strutture di San Francisco, non un semplice esperto di caffè bensì un vero e proprio artista: l'annuncio.

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Sta generando molta curiosità, e non solo sui social network, uno degli ultimi annunci di lavoro targati Apple. La società di Cupertino è alla ricerca di un barista artista speilista di latte art, da inserire in una struttura aperta al pubblico della Bay Area di San Francisco, eppure sembra che i piani alti dell’azienda non si vogliano accontentare di un esperto di caffè qualunque. La Mela, infatti, vuole un vero e proprio “latte artist”.

Sull’argomento abbiamo sentito il parere di Luigi Lupi, padre della Latte art, e di Chiara Bergonzi, seconda ai Mondiali della specialità e istruttrice affermata. Trovate il loro pensiero qui.

Lavorare per un’azienda che ha fatto della perfezione e del cura per i dettagli il proprio motto potrebbe spaventare.

E l’ansia da prestazione, soprattutto in senso lato, potrebbe risultare addirittura maggiore nel leggere un annuncio di lavoro tanto dettagliato e mirato.

È quanto svela BusinessInsider, nel rendere nota la certosina ricerca di un barista da parte di Apple, con un offerta davvero unica nel suo genere.

Così come si apprende dall’annuncio, apparso anche sulla piattaforma LinkedIn, Cupertino non vuole ovviamente sottovalutare gli elevati standard qualitativi del suo bar.

Il candidato ideale dovrà essere in grado di preparare dei caffè “stellari”, manifestando una certa propensione per la “latte art”. Senza trascurare la gestione del pubblico, la velocità nel servire i clienti. Nonché garantire gli stessi elevati criteri qualitativi che l’azienda assicura per i suoi prodotti.

Non è però tutto, poiché dovrà essere ovviamente in grado di utilizzare alla perfezione i servizi di pagamento di Apple, tra cui Apple Pay. Inoltre deve risultare estremamente organizzato, garantire un tasso di presenze record. Infine dimostrare un’attitudine positiva e grande attenzione per le regole.

È quindi richiesto aiuti il personale aggiuntivo a pulire e gestire i magazzini. Nonché essere pronto “all’esposizione al freddo, al caldo e all’acqua”. Il tutto, offrendo anche la propria disponibilità per “responsabilità aggiuntive così come richiesto dal manager”.

Un occupazione di grande responsabilità

Lavorare dietro a un bancone è certamente stancante, nonché occupazione dalle grandi responsabilità. Poiché l’obiettivo è quello di soddisfare qualsiasi richiesta del cliente.

E Apple evidentemente non ha sottovalutato la grande importanza di questa figura professionale nella quotidianità delle persone. Un fatto che non stupisce, tutto sommato. Sempre in considerazione della grandissima cura che il gruppo è solito accordare ai propri e fedelissimi consumatori.

Marco Grigis

 

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie