Home Aziende Host2015: le ...

Host2015: le macchine italiane del food invadono il mondo

Non c’è prodotto alimentare di qualità senza eccellente tecnologia per produrlo. Produzione (+0,6%) ed esportazioni (+1,1%) positive secondo le previsioni 2015

Latte Art Grading Battle

MILANO – L’industria delle tecniche alimentari è la madre di ogni prodotto presente sulle nostre tavole. Expo2015 sottolinea il primato delle aziende italiane: su tutto il territorio nazionale lavorano realtà che innovano e realizzano macchinari che continuano a generare l’italianità conosciuta nel mondo come pasta, pizza, gelato artigianale e caffè espresso, impianti per la refrigerazione e la lavorazione delle carni.

Un timbro inconfondibile del nostro Bel Paese è anche la produzione di articoli per la cottura e la tavola che ci contraddistinguono a livello internazionale.

ANIMA, affiancata da Assofoodtec – Associazione italiana costruttori macchine, impianti, attrezzature per la produzione, la lavorazione e la conservazione alimentare – e Fiac – Associazione fabbricanti italiani articoli casalinghi – vanta una rinnovata partnership con Host, fiera che ospiterà una Lounge dedicata alla Federazione e alle sue associazioni con lo scopo di far conoscere tali eccellenze a ogni visitatore e buyer della fiera.

“Le tecnologie alimentari costituiscono il 12% della meccanica italiana rappresentata da ANIMA – afferma Alberto Caprari, Presidente di ANIMA – La Federazione ANIMA rafforza la sinergia con Host di Fiera Milano per valorizzare le aziende del comparto. Riteniamo che questa manifestazione abbia la possibilità e le potenzialità per incentivare lo sviluppo internazionale delle imprese italiane. Con questa visione unica e sinergica ANIMA e Host presentano al mondo il sistema delle Tecnologie Alimentari. La contemporaneità con Expo2015 amplifica e valorizza l’impegno che ANIMA e Host si assumono in questo contesto. Auspico una sempre più proficua dedizione delle nostre imprese ai mercati esteri, poiché essi si confermano la prima fonte di sviluppo per le nostre apprezzatissime tecnologie. Va diffuso il concetto che il mangiar bene e sano, non solo per la cucina italiana, è il frutto di una filiera tecnologia di prevalenza italiana!”

L’Ufficio studi ANIMA ha rilevato alcune situazioni molto particolari, per le esportazioni del comparto alimentare. In Etiopia, ad esempio, le Macchine per pastifici hanno conosciuto una crescita del 282% passando dai 3,5 mln € nel 2013 ai 13,5 mln € nel 2014 e un incremento altrettanto importante (+248%) in Libia raggiungendo quasi 11 mln € nel 2014 mentre nel 2013 erano solo 3 mln €.

Il continente africano del nord si conferma attrattivo anche per l’export verso l’Algeria (quasi 20 mln €). Anche la Turchia è un mercato che continua a segnare una costante parabola crescente (più di 22 mln € nel 2014 a fronte dei 12 mln € nel 2013).

I Forni per pane, biscotti, pasticceria e pizza mostrano un +70% di export verso gli USA per un totale di circa 49 mln € nel 2014. Le Macchine per caffè espresso stanno crescendo esponenzialmente di anno in anno.

L’Asia è diventato un mercato interessante per i produttori del settore raddoppiando la percentuale di esportazione che nel 2010 era 15% e che nel 2014 è divenuta 31% del totale esportato.

Nel 2014 ci sono stati Paesi che hanno conosciuto una crescita significativa come la Corea del Sud (+44%) per un totale di 28 mln €, la Cina (+51%) pari a 22 mln €, Taiwan con 9 mln € (+101%) e la Thailandia con 8 mln € (+34%).

Il comparto delle affettatrici sia come consuntivo 2014 che come stime 2015 conferma cifre positive con un particolare sviluppo dell’export (+8,7% nel 2014 e +4% come previsione 2015).

Anche le Macchine per gelato si distinguono per i numeri positivi della produzione (+2,6% nel 2014 e +0,9% nel 2015) e dell’esportazione (+3,6%) nel 2014 e (+2,6% nel 2015).

La refrigerazione rappresentata da Assofoodtec/ANIMA si declina in Compressori frigoriferi, che presentano una situazione stabile fatta eccezione per l’export in calo dal 2012, in Impianti frigoriferi industriali, la cui lieve decrescita coinvolge sia la produzione che l’esportazione.

Si distinguono le Attrezzature frigorifere per il commercio con un incremento del valore della produzione nel 2014 (+3%), trend positivo che continua nel 2015 (+0,7%). Particolarmente positive le esportazioni che si concentrano per la maggior parte in EU28 (+3,4% nel 2014 e +1,2% nel 2015).

“Host rappresenta da sempre una manifestazione di primaria importanza per buona parte dei settori rappresentati da Assofoodtec – dichiara Nicola Marzaro, Presidente di Assofoodtec – Se l’andamento congiunturale presente e le proiezioni future possono considerarsi indici dell’andamento del comparto nel suo complesso non possiamo che aspettarci una manifestazione dai risultati sicuramente positivi. Uno sguardo ai dati ci fa riscontrare una situazione stabile o leggermente in crescita nei settori della produzione di macchine per gelato e per il caffè espresso, con incrementi delle esportazioni che si aggirano tra lo 0,7% del comparto delle macchine per caffè e il 2,6% delle macchine per gelato per arrivare a punte del 4% per le affettatrici, tritacarne e affini. L’occupazione è stabile con una netta prevalenza delle macchine per caffè per quanto attiene l’incremento percentuale che si attesta sullo 0,9%. Il valore complessivo della produzione per il 2015 si aggira intorno ai 3000 ml di Euro per le merceologie direttamente rappresentate in Host rispetto ad un fatturato complessivo dei produttori di tecnologie ed attrezzature per prodotti alimentari che ammonta a 5.500 milioni di Euro”.

“Il comparto del casalingo sta ancora subendo gli effetti di una stagnazione globale che tarda a migliorare – dichiara Andrea Barazzoni, Presidente Fiac – Il 2014 ha registrato una leggera flessione della produzione (-1,7%) e una diminuzione più marcata dell’esportazione (-3,5%). Questo risultato non entusiasmante è da attribuirsi principalmente alla perdita di fatturato nei confronti dell’Europa, da sempre nostro principale mercato per l’export. Per le nostre Aziende serve che venga definita una legislazione chiara ed efficace riguardo il Made-in e di un sistema Paese che ponga maggiore attenzione alle necessità delle Aziende produttrici, non lasciando ai singoli imprenditori tutte le complessità di un mercato che non può più essere affrontato singolarmente. Mi auguro che Expo 2015 e Host possano contribuire a far comprendere che la qualità del cibo passa inevitabilmente anche dagli strumenti di cottura che si utilizzano”.

ANIMA continua a diffondere il claim che descrive l’eccellenza della meccanica alimentare: Great technolgy for Great food. ANIMA – Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine – è l’organizzazione industriale di categoria che, in seno a Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 207.000 addetti per un fatturato di 44 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 59% (dati riferiti al consuntivo 2014).

I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: macchine ed impianti per la produzione di energia e per l’industria chimica e petrolifera – montaggio impianti industriali; logistica e movimentazione delle merci; tecnologie ed attrezzature per prodotti alimentari; tecnologie e prodotti per l’industria; impianti, macchine prodotti per l’edilizia; macchine e impianti per la sicurezza dell’uomo e dell’ambiente; costruzioni metalliche in genere. ASSOFOODTEC – Associazione italiana costruttori macchine, impianti, attrezzature per la produzione, la lavorazione e la conservazione alimentare – Assofoodtec, che si compone di sette realtà associative di grande e consolidata rappresentatività settoriale, si propone agli operatori internazionali come l’interlocutore più qualificato per conoscere quanto di meglio possa offrire l’industria italiana nel campo delle macchine, impianti e attrezzature per la produzione, la lavorazione e la conservazione. Si tratta di aziende che operano nei seguenti comparti produttivi: macchine per l’industria molitoria, per la produzione di pane e prodotti da forno, pasta ed estrusi alimentari, industria dolciaria, industria olearia, ecc.; macchine per caffè espresso e attrezzature per bar; affettatrici tritacarne e altre attrezzature per l’industria della ristorazione e alberghiera; attrezzature per la refrigerazione industriale e commerciale; macchine per la lavorazione delle carni; macchine arredamenti attrezzature per gelato; attrezzature per l’Horeca. Assofoodtec si pone in rappresentanza di un settore che realizza un fatturato di circa 5,5 miliardi di euro con un export che attestandosi mediamente sul 74% della produzione, con nicchie di mercato che raggiungono il 90%, colloca l’Italia tra i primi tre paesi esportatori del mondo.

FIAC – Associazione fabbricanti italiani articoli casalinghi – un settore in cui operano 3900 addetti e che fatturato 850 milioni di euro, con una quota export del 66%. Fiac è composta dalle più importanti e rappresentative aziende del Made in Italy del settore: al suo interno confluiscono 6 categorie merceologiche: posateria; coltelleria; pentolame; vasellame; caffettiere; articoli da regalo per la casa.