martedì 26 Ottobre 2021

Vietnam: produzione in flessione per la siccità, cala l’export verso l’Italia (-18,5%)

Da leggere

MILANO – Buone prospettive di ripresa produttiva, a fronte di un export in forte calo: questa la fotografia scattata dal report annuale Usda sull’andamento del settore del caffè in Vietnam. La siccità nei primi mesi dell’anno e il protrarsi della stagione delle tempeste ha penalizzato il raccolto 2020/21, in flessione a 29 milioni di sacchi, dai 31,3 milioni del 2019/20. Ma ancora più sensibile sarà il calo dell’export, stimato ora in 23,65 milioni di sacchi.

Usda è invece ottimista per il raccolto 2021/22, che prevede in netta ripresa (+6,3%) a 30,83 milioni, di cui 1,15 di arabica.

Ad alimentare queste aspettative positive, il buon andamento meteorologico nei primi quattro mesi del 2021, con una maggiore quantità di precipitazioni cadute durante la stagione secca, che ha consentito un buon reintegro dell’umidità del terreno e delle risorse idriche.

Stabile l’area coltivata, che si manterrà attorno ai 620 mila ettari. Il ridursi delle superfici nel Dak Lak, massima area di produzione del Vietnam, sarà compensato da una contemporanea espansione nel Lam Dong e nel Dak Nong.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

Ultime Notizie