domenica 07 Agosto 2022

Varese, stop alla pausa caffè in municipio: “Indecorosa e si perde tempo”, trionfa il vending

Lo stesso divieto adottato a Brugherio alle porte di Milano

Da leggere

MILANO – Prima l’invito. Adesso, dopo sette mesi, il divieto. Il segretario comunale di Varese ha stabilito che i dipendenti dell’amministrazione non potranno più fare la pausa caffè fuori dall’ufficio, limitandosi a bere bibite o caffè, appunto, soltanto alle macchinette interne all’edificio. I dirigenti dei vari settori avranno il compito di far rispettare agli impiegati la nuova norma, introdotta per una “questione di decoro” e ridurre le perdite di tempo.

Tutti in coda al distributore automatico, dunque e stop alle migrazioni fuori dal palazzo e relativi incontri con i cittadini: “Non è decoroso che gli impiegati vengano visti dai cittadini mentre passeggiano per la strada” spiega il segretario comunale Filippo Ciminelli. “La maggior parte dei dipendenti si comporta correttamente – ha continuato – ma a volte qualcuno ne approfitta e tutti sono penalizzati”.

Non è la prima volta che il segretario comunale interviene sul tema della pausa caffè: nell’ottobre del 2011 aveva già emesso una circolare che invitava i dipendenti a consumare il caffè nel bar interno, evitando di uscire dal palazzo municipale. Lo stesso divieto varato a Varese è entrato in vigore anche a Brugherio, comune alle porte di Milano.

Il municipio ha informato i dipendenti con questa circolare: “Nel Comune di Brugherio è vietato andare al bar in pausa pranzo. I dipendenti comunali del paese brianzolo, infatti, saranno tenuti a utilizzare “le attrezzature e gli spazi all’interno delle sedi comunali”. I mugugni sono stati parecchi; non soltanto da parte dei lavoratori, quasi “costretti” dentro il municipio tutta la giornata, ma anche da parte degli esercenti della zona, che vedranno calare “di molto” il proprio indotto.“

Ultime Notizie