Home Cacao & Cioccolato Nasce la Divi...

Nasce la Divisione mista di ricerca sul cacao Umipi per 700mila euro in Brasile

Dopo aver affrontato piaghe, calo dei prezzi, chiusura di aziende agricole e disoccupazione, la coltura del cacao in Brasile sta attraversando una fase di ripresa e la prospettiva è quella di aumentare la produzione di 60mila tonnellate nei prossimi quattro anni. Il Brasile è già stato il secondo produttore mondiale di cacao e attualmente occupa la settima posizione, dietro Costa d'Avorio, Ghana, Ecuador, Camerun, Nigeria e Indonesia

brasile cacao mapa umipi
Verso l'autosufficienza nella produzione del cacao brasiliano entro il 2025

MILANO – La Divisione mista di ricerca sul cacao mette insieme esperienza e tecnologia per incrementare la produzione nazionale. La nuova Divisione è il risultato di una partnership tra Ceplac ed Embrapa, con investimenti di 4,7 milioni di Reais (700mila euro) in quattro linee di ricerca. Il Ministero dell’agricoltura, della zootecnia e dell’Approvvigionamento (Mapa), tramite la Commissione esecutiva del Piano per le colture di cacao (Ceplac), e l’Azienda brasiliana per la ricerca agrozootecnica (Embrapa) hanno inaugurato una Divisione mista di ricerca e innovazione (Umipi) sul Cacao a Ilhéus, Bahia. Per rafforzare la filiera produttiva del cacao, saranno investiti 4,7 milioni di Reais in quattro linee di ricerca, oltre al trasferimento tecnologico tra le istituzioni. La notizia è stata annunciata dalla Ministra Tereza Cristina in una cerimonia virtuale a Brasilia.

La partnership per Umipi

Unisce la conoscenza di Ceplac – responsabile di una delle più grandi banche di germoplasma di cacao nel mondo – e l’infrastruttura di Embrapa con i suoi laboratori di ricerca genetica e tecnologia.

Dopo aver affrontato piaghe, calo dei prezzi, chiusura di aziende agricole e disoccupazione, la coltura del cacao in Brasile sta attraversando una fase di ripresa e la prospettiva è quella di aumentare la produzione di 60mila tonnellate nei prossimi quattro anni. Il Brasile è già stato il secondo produttore mondiale di cacao e attualmente occupa la settima posizione, dietro Costa d’Avorio, Ghana, Ecuador, Camerun, Nigeria e Indonesia.

La produzione annuale, secondo l’Istituto brasiliano di geografia e statistica (Ibge), è stimata in 250 mila tonnellate, con il Pará che è il più grande Stato produttore con circa 129 mila tonnellate all’anno. Segue Bahia, con 113mila tonnellate. Oltre ad essere un produttore di cacao, il Brasile è il quinto più grande produttore di cioccolato al mondo. La classifica è la stessa quando si parla del consumo di questa prelibatezza, che fa parte della vita quotidiana dei brasiliani. L’intera industria è responsabile di 300mila posti di lavoro diretti.

La Ministra Tereza Cristina ha sottolineato che Umipi è la base per rivitalizzare la coltura del cacao e raggiungere l’obiettivo dell’autosufficienza nella produzione di cacao entro il 2025

Per raggiungere questa meta, secondo la Ministra, è necessario unire la filiera produttiva e l’uso intensivo della tecnologia. “Nel perseguire l’obiettivo dell’autosufficienza, speriamo di essere in grado di destinare, nei prossimi due anni, circa 15 milioni di Reais al settore. Promuoveremo l’espansione dell’area coltivata, l’ampliamento della produttività e il miglioramento del prodotto”.

Tereza Cristina ha sottolineato che la coltura “offre molteplici vantaggi, dalla generazione di posti di lavoro e reddito alla conservazione della foresta e alla fissazione del carbonio. Con predominanza nell’agricoltura familiare, dipende fortemente dai sostegni. Con Umipi Cacau sarà possibile raggiungere tutti i più di 70 mila produttori, recuperando l’autosufficienza brasiliana”.

Il Presidente della Confederazione dell’agricoltura e della zootecnia del Brasile (Cna), João Martins, ha affermato che la nuova divisione di ricerca è una “pietra miliare storica” per il recupero della produzione di cacao, portando “una nuova sferzata di energia al produttore di cacao”.

Linee di ricerca di Umipi

Una delle linee di ricerca di Umipi sarà finalizzata alla caratterizzazione, valutazione e conservazione delle risorse genetiche del cacao in modo efficiente ed economico. Ceplac raccoglie più di 4.549 accessi al germoplasma, distribuiti in quattro collezioni. Il Direttore di Ceplac, Waldeck Araújo, spiega che, nonostante occupino una posizione di rilievo, gli studi indicano che queste collezioni conservano solo il 20% della variabilità esistente nella regione amazzonica brasiliana.

Un altro argomento da approfondire è quello relativo al miglioramento genetico della specie da cloni di cacao con resistenza a parassiti come la monilia e la ginestra delle streghe. Il fungo Moniliophthora perniciosa (noto come malattia della ginestra delle streghe), una delle più gravi malattie del cacao nelle Americhe, decimò intere produzioni alla fine degli anni ’80 in Brasile.

Per lungo tempo limitato alla regione amazzonica, dove ha sempre lasciato una scia di grandi perdite nella produzione di cacao, questo fungo è arrivato a Bahia, nel 1989, la principale regione produttrice del paese all’epoca. Con la diffusione della malattia, il Brasile ha perso il 75% della produzione di cacao (da 400mila tonnellate a 100mila tonnellate all’anno).

L’operato di Umipi passa anche dalla ricerca di soluzioni tecnologiche per il controllo di queste piaghe, secondo Waldeck Araújo

“Con l’arrivo della ginestra delle streghe a Bahia, la coltivazione del cacao è diventata dipendente dalle tecnologie per il suo controllo, potenziando la ricerca fitopatologica e le sue interazioni con i diversi ambiti finalizzati ai controlli culturali, chimici, biologici e genetici”.

Dopo la devastazione della piaga, il Paese iniziò ad importare cacao per rifornire l’industria molitoria e del cioccolato nazionale. Con la perdita della produzione, parte della filiera era rimasta inattiva ed è stato necessario acquistare cacao dall’Africa per la lavorazione in Brasile, aggiungendogli valore, per poi esportarlo come prodotto derivato o cioccolato. “Mentre nella produzione di cacao il Brasile è in deficit, nell’esportazione di prodotti ad alto valore aggiunto siamo in surplus”, sottolinea il direttore di Ceplac.

Per il Presidente di Embrapa, Celso Moretti, l’alleanza tra le istituzioni e le linee di ricerca consentirà un consistente avanzamento nella cultura del cacao nel Paese. “La forma di una Divisione Mista di Innovazione e Ricerca è innovativa, creativa e moderna per avanzare su temi cari alla ricerca, allo sviluppo e all’innovazione dell’agricoltura brasiliana”.

Il Segretario per l’innovazione, lo sviluppo rurale e l’irrigazione del Mapa, Fernando Camargo, sottolinea che il Brasile possiede una caratteristica unica al mondo in relazione al cacao. Il Paese è rappresentativo delle attività di tutta la filiera del cacao: produce semi, trasforma cacao, produce il cioccolato, esporta cacao e cioccolato, oltre ad avere un pubblico interno di consumatori.

Un altro differenziale della produzione brasiliana è la gestione dei sistemi agroforestali integrati

Che sarà anche esso oggetto di ricerca da parte dell’UMIPI per aumentare la produttività e la qualità del cacao. A Bahia, ad esempio, spicca la produzione di cacao nel sistema Cabruca, in cui il frutto viene coltivato all’ombra degli alberi della Foresta Atlantica. Il sistema consente una produzione sostenibile in modo che la crescita del cacao non implichi la deforestazione, che contribuisce alle basse emissioni di gas serra.

La qualità del cacao brasiliano, soprattutto quello prodotto nel sud di Bahia, è fondamentale per la produzione di cioccolato fino, che contiene il 70% di cacao. Il prodotto è sempre più richiesto da un mercato di nicchia ad alto valore aggiunto sia in Brasile che all’estero. “Se la mandorla non è di ottima qualità, il gusto del cioccolato è insopportabile a causa della sua amarezza. Le varietà vegetali della regione producono una mandorla più facile da lavorare “, ha affermato il Segretario Camargo.

“Il cacao è una coltura molto costosa per il Paese e crediamo nel riscatto di questa cultivar, in modo che il Brasile possa essere di nuovo tra i maggiori produttori mondiali, poiché il prodotto brasiliano presenta differenziali come essere della regione amazzonica e prodotto in un sistema con basse emissioni di carbonio”, ha affermato.