sabato 25 Giugno 2022

Da telegram a whats app impazza la sticker mania

Le emoticon restano forti, ma cedono il passo ai simpatici adesivi presenti ormai in tutte le principali app di messaggistica. Dopo gli utenti, la comunicazione extra-verbale conquista non solo il settore multinazionale dell’intrattenimento, ma anche quello del Food&Beverage

Da leggere

MILANO – “Non hai tempo per scrivere? Usa gli stickers”. E’ questo il titolo che appare su un articolo del The New York Times, che descrive la nuova frontiera dell’instant messaging. Divertenti, simpatici e risolutivi, da oggi gli sticker entrano a fare parte della vita quotidiana non solo degli utenti, ma anche di grandi brand internazionali.

Comunicare un’emozione con un semplice click o fare intendere un messaggio con la forza di un simpatico adesivo digitale, al giorno d’oggi sembra essere il modo più semplice per conquistare l’attenzione degli utenti.

Ma se in principio erano le emoticon, ovvero le riproduzioni stilizzate delle principali espressioni facciali, a spopolare sui social, oggi sono queste icone colorate le protagoniste della messaggistica digitale.

La conferma arriva non solo da un utilizzo sempre maggiore di questi adesivi digitali, ma anche dalla scelta delle multinazionali di innovare la propria comunicazione.

Un esempio è la Disney, che è stata una delle prime multinazionali a lanciare degli sticker personalizzati, in questo caso ispirati al cartone animato “Inside Out”. Un passaggio che ha aperto la strada ad altri settori come il food&beverage. Coca-Cola, Starbucks e Nescafé che da oggi rende social la sua iconica Red Mug, sono solo alcuni dei brand ad avere intrapreso questa strada.

È quanto emerge da un’indagine promossa da Found!, realizzata attraverso il monitoraggio e l’analisi di oltre 90 testate internazionali (quotidiani e periodici) e di 1300 siti Internet, per analizzare il fenomeno degli stickers nelle aziende.

Ma qual è la funzione principale di queste icone digitali? Sono funzionali quando non si ha il tempo di digitare messaggi chilometrici, ma allo stesso tempo non si vuole essere scortesi con le persone. A volte permettono di sostituire intere conversazioni caratterizzate da messaggi di testo tradizionali, con adesivi dal significato chiaro ed inequivocabile. Un mezzo sorriso? Difficile da esprimere a parole, meglio utilizzare uno sticker. Utili e divertenti, a volte persino essenziali.

L’ultimo esempio arriva dalla app Nescafé Emoticon, che oltre ad offrire una classica gamma di sticker a forma di mug, aggiunge tantissime novità: confuso o pensieroso, al lavoro o in cucina, gli adesivi sono tanti e permettono di farsi capire con una semplice immagine. Questi servizi hanno modificato il mondo della comunicazione digitale: nati come un gioco, sono diventati utili anche sul lavoro. Europa o America latina non fa differenza, la Sticker mania ha contagiato proprio tutti.

A rafforzare il parere del The New York Times, è il quotidiano inglese The Guardian, che evidenzia come questi adesivi abbiano già un business notevole. Disney e Marvel – cita The Guardian – insieme a Coca Cola e Nescafé, sono solo alcune delle aziende che hanno utilizzato queste icone per promuovere il proprio brand.

Gli sticker sono un nuovo e divertente strumento per aggiungere un ulteriore tocco di creatività alle foto e condividerle con il mondo. Nascono sulla scia del grande successo incassato negli ultimi anni dalle emoticon, riproduzioni stilizzate delle principali espressioni facciali umane che esprimono un’emozione. Utilizzate prevalentemente su Internet e negli sms, queste faccine hanno aggiunto componenti extra-verbali alla comunicazione scritta. L’emoticon è rappresentata attraverso un insieme di segni primitivi o estremamente stilizzati e il suo nome nasce dall’accostamento delle parole “emotion” e “icon”, per indicare proprio un’icona che esprime emozioni.

Su questa base nasce l’idea di sviluppare delle immagini più grandi, più accentuate e più dirette al pubblico che sono gli sticker, riproduzioni capaci di scatenare la fantasia e rendere più semplice l’espressione. The Huffington Post sostiene che gli sticker rappresentino una delle 5 tendenze del 2016. In verità la “sticker art” nasce come una particolare forma di street art, nella quale il messaggio o l’immagine sono veicolati da un adesivo.

Ma se una volta erano i centri urbani i protagonisti di queste piccole opere d’arte, oggi è il grande mondo di internet a fare da padrone ad una tendenza che sembra crescere di giorno in giorno. Gli adesivi digitali spesso contengono messaggi sociali ed hanno la capacità far nascere nelle persone emozioni forti, creando situazioni fresche e piacevoli.

È quello che ha fatto Nescafé presentando un’app, disponibile per tutti i dispositivi iOS e Android, che vede protagonista la Red Mug, resa social da espressioni divertenti e situazioni quotidiane da condividere con gli amici.

Ecco 5 brand che si sono fatti conquistare dalla STICKERS MANIA

DISNEY PIXAR: Dopo il successo del film “Inside out”, la Disney Pixar ha deciso di trasformare i protagonisti del famoso film d’animazione in simpatici stickers animati. Gioia, Paura, Rabbia, Disgusto e Tristezza sono i personaggi del film che hanno spopolato non solo sul grande schermo, ma anche nei servizi di messaggistica istantanea come Skype o sulle app di iOS e Android.

NESCAFE’: Anche l’iconica Red Mug di Nescafé diventa più social che mai, grazie al suo ingresso nel mondo degli sticker. Con la nuova app si può facilmente scaricare la tastiera emoji che contiene ben 40 Red Mug diverse, che esprimono non solo gli stati d’animo più classici, ma anche situazioni particolari della vita quotidiana, attraverso espressioni esilaranti da condividere con la famiglia e gli amici.

COCA COLA: Coca Cola non è nuova a questo genere di iniziative. Già nel 2015 aveva lanciato le emoticon personalizzate per iOS e Android, seguite nell’aprile 2016 dagli sticker utilizzabili con l’app Viber. Il tappo della Coca Cola diventa così protagonista e viene arricchito da diverse faccine che esprimono gli stati d’animo, corredati da una parola o frase esplicativa (“smile”, “enjoy”, “miss you”).

UNIVERSAL PICTURES: Dopo il grande successo al botteghino, la Universal ha pensato bene di sfruttare il fenomeno Minions: dagli emoji alle gif passando per gli stickers, la casa cinematografica ha utilizzato tutte le declinazioni delle emoticon per il film d’animazione. Gli sticker dei Minions sono rappresentati dai piccoli personaggi gialli popolari in tutto il mondo, corredati da frasi e parole divertenti.

STARBUCKS: Aprile sembra essere stato il mese del via libera alle nuove app. Anche Starbucks infatti ha lanciato gli sticker per la messaggistica di iOS e Android. Le emoji includono tutte le bevande della catena statunitense di caffetteria e le espressioni sono raffigurate all’interno della famosa cup da asporto. Un luogo di ritrovo per giovani non solo in loco, ma anche nelle chat.

Ultime Notizie