CIMBALI M2
giovedì 13 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Starbucks in Cina deve fare i conti con la concorrenza locale e con la geopolitica

Ad aprile, il numero di caffetterie è cresciuto in Cina del 16% rispetto all’anno scorso, principalmente a vantaggio dei marchi cinesi. La conseguenza: le multinazionali, come Starbucks, hanno perso quote di mercato, pur continuando a registrare una crescita solida. Tra i concorrenti più temibili c’è la rinata Luckin Coffee, ma anche l’emergente Cotti Coffee, del redivivo Lu Zhengyao

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Starbucks riparte in Cina, ma la ripartenza non convince Morgan Stanley. Non del tutto, perlomeno. Nelle 13 settimane al 2 aprile 2023, le vendite, a parità di perimetro, dei locali cinesi della multinazionale americana sono cresciute del 3%: un risultato superiore alle aspettative dell’azienda. Ma nettamente al di sotto del +7% registrato a livello globale. E del +12% conseguito negli Usa.

Per l’intero esercizio 2023, gli analisti si aspettano in Cina una crescita del 7%. Un dato sempre lontano dall’era pre-Covid. La prudenza di Morgan Stanley non nasce dalla sfiducia nei confronti del nuovo ceo Laxman Narasimhan, bensì dalla relativa debolezza del quadro economico.

In Cina, il governo non ha varato pacchetti di incentivi ai consumi in misura paragonabile a quella di altri paesi, a cominciare dagli Usa. Le restrizioni dovute alla pandemia e le modifiche normative hanno eliminato 30 milioni di posti di lavoro: un dato rilevante, anche se bisogna rapportarlo a una popolazione di 1,4 miliardi di abitanti.

Di questi 30 milioni, 20 saranno recuperati entro l’anno, ma per il rimanente terzo ci vorrà più tempo.

Il mercato immobiliare, che trainò la ripresa nel primo semestre 2021, ha subito l’anno scorso un brusco rallentamento, a causa di una crisi sistemica.

Molti gruppi immobiliari stanno lottando per sopravvivere, come il gigante Evergrande, strangolato da un maxi debito di 300 miliardi di dollari.

In generale, la ripresa economica – dopo la fine delle politiche zero Covid, decretata lo scorso dicembre – è stata relativamente modesta.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie