Home Aziende STARBUCKS – b...

STARBUCKS – basta accuse o lasciamo l’Inghilterra. Dura reazione alla battuta del premier Cameron sulle tasse. La catena ha raggiunto quota 19.435 caffetterie in 58 Paesi

davos starbucks
L'insegna di Starbucks

LONDRA – In tutto il mondo le caffetterie Starbucks sono ormai a quota 19.435 in 58 Paesi di tutto il mondo e rappresentano una potenza economica mondiale. Così se Starbucks, la multinazionale americana dei coffee-shop, ha preso molto male la battuta di David Cameron a Davos diventa una notizia di rilievo.

Parlando delle aziende allergiche alle tasse

Il primo ministro britannico ha detto che era ora «di svegliarsi e sentire l’odore del caffè», ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti non è stato affatto casuale. 

Starbucks ha risposto minacciando di sospendere investimenti per milioni di sterline in Gran Bretagna. Chris Engskov, direttore della filiale inglese, ha chiesto un appuntamento a Downing Street. Per lamentarsi degli «spiacevoli attacchi» e della «politicizzazione» del contenzioso.

Con l’economia che rischia di scivolare in recessione per la terza volta in quattro anni, Cameron sta combattendo una battaglia su più fronti

Infatti, vuole uscire da quella che molti inglesi vedono come la palude europea (o quanto meno bonificarla). E vuole mantenere le misure di austerità che il suo mastino, il cancelliere dello Scacchiere George Osborne, impone nonostante le critiche internazionali e del Fondo monetario.

Mentre sta facendo implacabilmente a pezzi ciò che resta del welfare britannico, il premier ha cercato di sposare una battaglia popolare come quella delle tasse alle multinazionali straniere. (non solo Starbucks, anche Amazon, Google e altri). Così da sollevare il suo consenso tra i ceti più spremuti dal governo.

La difesa di Starbucks è molto semplice, persino commovente: nel Regno Unito l’azienda non ha prodotto profitti e dunque non deve pagare le tasse.

Se il governo continua a usare la retorica delle tasse, ignorando i posti di lavoro creati, gli investimenti futuri potranno essere in pericolo.

Fonti vicino alla compagnia hanno fatto sapere al Sunday Telegraph che i piani annunciati per investire cento milioni di sterline rischiano di essere fermati

Scandalizzato, Engskov ha ricordato che Starbucks «è l’unica azienda ad aver acconsentito volontariamente a pagare tasse addizionali per almeno 20 milioni nei prossimi due anni».

Si stima che la multinazionale del caffè abbia pagato, dal suo arrivo in Gran Bretagna una decina di anni fa, 8,6 milioni di tasse aziendali. A fronte di un incasso cumulativo di 3,1 miliardi.

La scorsa settimana, il rapporto di Starbucks che registrava un profitto globale di 274 milioni, non aveva alcun prospetto separato per la Gran Bretagna come accade di solito

Per i tabloid britannici molte compagnie internazionali tagliano l’importo delle tasse attraverso pagamenti ad hoc ad aziende collegate. A dicembre, difendendo la politica fiscale di Google, l’amministratore delegato Eric Schmidt aveva così detto: «Paghiamo un mucchio di tasse… e se la nostra struttura è in grado di sfruttare gli incentivi offerti dai governi, ne sono fiero. Si chiama capitalismo, questo».

 

Fonte: La Stampa