Home Bar Caffetteria Shabby Shine ...

Shabby Shine Caffè riceve i soldi da un cliente persi nel lockdown

Due banconote per un totale di settanta euro e un messaggio alle titolari: "Care Jessy e Cinzia, un grandissimo augurio fatto col cuore per la riapertura del mio bar preferito! Questo è il mio piccolo sostegno, fatto col cuore, come se per i mesi di marzo e aprile mi fossi presa un caffè al giorno. Speriamo che passi tutto in fretta. Con tanto affetto"

shabby shine caffè
Il messaggio con il contributo

CAGLIARI – Un’altra notizia vede protagonista un bar del capoluogo sardo, dove il Shabby Shine Caffè ha di nuovo alzato le serrande così come previsto dal Governo da lunedì 18 maggio. Una riapertura pesante per tutti i gestori che hanno subito gravi perdite e ancora oggi devono pagare la chiusura forzata, che però è diventata più dolce di fronte al confronto con i clienti.

Loro, nonostante l’isolamento prolungato, non hanno dimenticato i luoghi e le persone che tutti i giorni hanno loro servito i caffè. Per questo, uno di loro ha voluto ripagare i gestori a Cagliari, con un contributo economico a risarcimento di tutti gli espressi mancati durante il lockdown. Leggiamo la notizia da sardegnalive.net.

Shabby Shine Caffè: un sostegno dai suoi consumatori per ripartire

E’ divenuto subito virale il post pubblicato questa mattina sulla pagina Facebook del Shabby Shine Caffè di via Ciusa, a Cagliari, che racconta il bel gesto di solidarietà di una cliente abituale.

Due banconote per un totale di settanta euro e un messaggio alle titolari del Shabby Shine Caffè: “Care Jessy e Cinzia, un grandissimo augurio fatto col cuore per la riapertura del mio bar preferito! Questo è il mio piccolo sostegno, fatto col cuore, come se per i mesi di marzo e aprile mi fossi presa un caffè al giorno. Speriamo che passi tutto in fretta. Con tanto affetto”.

Le destinatarie del messaggio hanno commentato

“Come non commuoversi, arriva una tua cara amica e cliente da 5 anni e ti poggia sul banco questo… ha pagato tutti i caffè che non ha preso in questi mesi. La nostra è una famiglia allargata, i nostri clienti sono come la nostra famiglia… grazie di cuore, vi siete preoccupati tutti. E grazie di cuore a te per questo gesto ! In bocca al lupo a tutti”.