Home Notizie Lo scontrino ...

Lo scontrino anti-razzismo di un bar di Adria diventa virale sui social

scontrino

MILANO – Anche un banale scontrino può diventare uno strumento di comunicazione attraverso il quale veicolare dei messaggi positivi. Succede in un bar di Adria (Rovigo), dove il titolare ha pensato di stampare, in calce al cedolino consegnato al cliente all’atto del pagamento, una scritta che recita: “No al razzismo, sì Adria integrata”.

Una risposta ai recenti atti di intolleranza testimoniati dalla cronaca. Compreso quello dello scontrino omofobo rilasciato in un ristorante romano a una coppia di clienti omosessuali.

L’iniziativa è diventata presto virale grazie ai numerosi post apparsi sui social. L’esercente adriese aveva utilizzato gli scontrini, nell’intento di sensibilizzare i clienti su determinati temi, già in passato.

L’anno scorso, ad esempio, aveva lanciato una sua personale campagna contro il gioco d’azzardo, con lo slogan “Vivi responsabilmente, no alle slot machine”.

“Invece dei soliti ‘arrivederci’ o ‘grazie’ ho pensato di usare gli scontrini come veicoli di messaggi sociali”. Nasce così l’idea, a Francesco Beghello, 55 anni, di porre sulla carta termica fiscale del registratore di cassa del suo bar, ‘Lo spiffero’ di Adria, la scritta ‘No al razzismo, sì Adria integrata’ a cui ha fatto seguito un messaggio contro i giochi: ‘vivi responsabilmente, no alle slot machine’.

Sette anni fa, quando rilevò il locale, di slot machine ce n’erano due “e pensavo, al primo momento, – ammette – che potevano dare un apporto economico, ma due anni dopo ho deciso di toglierle”. Al loro posto sono appesi i disegni di bambini dai 3 ai 7 anni, figli degli avventori a cui Beghello dà fogli bianchi e pennarelli per disegnare. “Un modo anche per tenerli buoni”, confessa.

Quanto all’idea degli scontrini anti razzismo, l’idea al gestore è venuta dall’eco che i media, a livello nazionale, davano sui casi di intolleranza. “Qui ad Adria – osserva – non ci sono stati casi particolari. Ma sono stato colpito da quello che leggevo sui giornali o sentivo in televisione”.

Beghello non è legato ad alcun partito o movimento “ma sono attento – dice – ai problemi sociali. E sfrutto il bar per metterli al centro dell’attenzione dei clienti”.