Home Organizzazioni Sca Italy, ri...

Sca Italy, riunione dei soci: “Nel 2020 create le connessioni con la filiera attraverso l’online”

Polojac: "La nota più incoraggiante arriva dal continuo supporto da parte di tutti i membri e dalla fiducia espressa dalle aziende sponsor per la parte eventi, che ci permettono di guardare all’anno in corso con rinnovato entusiasmo e di rilanciare obiettivi rimasti in sospeso durante il 2020. Proseguiremo e amplieremo quindi le attività online, nell’attesa di riprendere al più presto quelle in presenza.”

sca italy
I vertici in carica di di Sca Italy

MILANO – Si è tenuta venerdì scorso l’ultima riunione dei soci Sca Italy, l’appuntamento annuale durante il quale il chapter italiano relaziona i propri membri sulle attività svolte e sui programmi futuri. Ospiti della riunione, svoltasi quest’anno in modalità online, anche Yannis Apostolopoulos, direttore esecutivo della Specialty coffee association e Irene Beretta Events coordinator per il World coffee events, che hanno offerto una visione globale sulle attività dell’Associazione e sul difficile ma serrato lavoro per l’organizzazione degli eventi e delle competizioni, in un contesto ancora segnato dall’emergenza
sanitaria.

Sca Italy riunita per fare il punto

Un lungo incontro, che ha riscosso molta partecipazione da parte degli associati, e che dopo gli interventi dei coordinatori e degli ospiti, ha lasciato anche ampio spazio al dibattito.

A dare il via alla riunione è stato Alberto Polojac, coordinatore nazionale Sca Italy, che ha fatto un bilancio del lavoro svolto nell’ultimo anno dall’Associazione. “Gli obiettivi fissati per il 2020 hanno indubbiamente subito una correzione rispetto alla rotta intrapresa a inizio anno, che ci ha visto partire come di consueto dal successo e dall’entusiasmo delle
competizioni di Sigep 2020. Non sono però cambiate le intenzioni di fondo e lo spirito che anima il nostro programma, ovvero collegare tra di loro gli elementi della filiera che compongono la nostra community, trovare sempre nuovi punti di contatto con altre associazioni di settore e creare un legame con il consumatore finale.

Abbiamo dovuto sospendere le molte attività che prevedono spostamenti, su tutte le calibrazioni tra Ast, gli eventi di divulgazione dedicati al grande pubblico e i viaggi in piantagione, progetti che avevano richiesto tanto lavoro in termini di organizzazione e
pianificazione.

La situazione contingente non ha però fermato le nostre attività di divulgazione e di connessione

Seguendo il leitmotiv “Connect the dots” abbiamo sfruttato le piattaforme online e i profili social dell’Associazione, attraverso una comunicazione sempre puntuale e un’identità integrata ed inclusiva. La connessione, infatti, deve partire proprio da questo e il lavoro svolto in coordinamento con la nostra communication manager Daniela Mauro è degno di lode.

La nota più incoraggiante arriva dal continuo supporto da parte di tutti i membri e dalla fiducia espressa dalle aziende sponsor per la parte eventi, che ci permettono di guardare all’anno in corso con rinnovato entusiasmo e di rilanciare obiettivi rimasti in sospeso durante il 2020. Proseguiremo e amplieremo quindi le attività online, nell’attesa di riprendere al più presto quelle in presenza.”

A seguire, ha preso la parola Yannis Apostolopoulos:

“Le finalità della Sca globale sono in linea con quelle del chapter italiano, che non dimentichiamo, è quello più numeroso in Europa e tra i più influenti al mondo. Creare le
opportune connessioni all’interno della nostra filiera, uniti dallo slogan “Make coffee better”, è un nostro principio ispiratore, che ha dato vita, fra l’altro, alla Coffee systems map, sviluppata di recente. Nel 2020 / 2021 abbiamo dovuto ripensare al modo in cui far arrivare i contenuti ai nostri membri, ciononostante numerose sono state le iniziative che
hanno accompagnato gli associati durante quest’anno.

Per citarne alcune, possiamo ricordare il Sensory summit, svoltosi virtualmente e diffuso globalmente, il Re;Co sarà il prossimo appuntamento previsto sul calendario, mentre uno
completamente nuovo è in arrivo: il Green Coffee Summit. Altre novità da citare sono le collaborazioni con diverse aziende e università per portare avanti i nostri progetti di ricerca, lo sviluppo continuo del nostro spazio web attraverso la rinnovata sezione News, i podcast, la sezione Design in coffee, e la Coffee directory.

Tutto questo mentre prosegue con successo lo sviluppo nel programma formativo, da sempre fiore all’occhiello dell’Associazione, che di recente ha aggiunto due nuovi programmi: il Coffee sustainability program e il Coffee technicians program. Sul fronte eventi e competizioni, invece, stiamo lavorando per cercare di garantirne lo svolgimento durante la seconda parte dell’anno.

Numerose altre attività sono in programma per i prossimi 5 anni, tra cui una Career Hub, che metterà in connessione tra loro le diverse figure professionali che compongono la nostra filiera, e un Retailers summit, dedicato ai coffee shop e
commercianti al dettaglio.”

Con riguardo alla comunicazione, è stata Daniela Mauro, communication coordinator Sca Italy, a dettagliare la lunga serie di attività svolte

Il Vademecum barista o il Manifesto del caffeista sono solo due fra i tanti progetti
lanciati nell’ultimo anno, frutto del lavoro di tutti i coordinatori ma anche risultato delle tante collaborazioni con associazioni di settore, trainer, professionisti che in questi mesi, insieme a Sca Italy, si sono impegnati con grande entusiasmo a supporto della community.

“La comunicazione nell’anno della pandemia è stata fondamentale per tutti noi perché è riuscita, nonostante l’isolamento, a mantenerci uniti e affiatati, facendoci riscoprire in maniera profonda il senso di appartenenza verso la nostra Associazione. Le tante iniziative di cui siamo stati sia attori che spettatori avevano come unico obiettivo quello di convogliare le energie di tutti nella giusta direzione, quella verso una nuova ripartenza.

Un movimento corale e spontaneo che è stato di grande ispirazione per tutti noi e ci ha dato la dimensione della nostra forza come community, una community che si sostiene a vicenda per salvaguardare l’intera filiera di qualità sulla quale si fonda il movimento specialty.”

Per la parte inerente alla formazione, Andrea Matarangolo, Education Coordinator Sca Italy

Ha ricordato il ricco palinsesto di appuntamenti dedicati alla didattica in cantiere un anno fa, molti dei quali peraltro già partiti, come il calendario calibrazioni o le collaborazioni con aziende per approfondire temi importanti, come l’acqua o la pulizia. Purtroppo, la maggior parte di questi progetti hanno inevitabilmente subito uno stop a seguito delle restrizioni, tuttavia, si è lavorato molto sulle attività che potevano essere gestite anche a distanza.

Prosegue ad esempio l’attività dei gruppi di lavoro per lo sviluppo degli handbook, per i quali l’obiettivo è la realizzazione di tutti i moduli foundation e intermediate entro la fine del mandato.

Tra le aree di attività dell’Associazione, quella che ha subito in maniera più pesante gli effetti della pandemia, è naturalmente quella relativa agli eventi e le competizioni, “assembramenti per eccellenza”, come li ha definiti Fabio Sipione, Events Coordinator Sca Italy. “: “La situazione di incertezza permane e purtroppo finché non si riuscirà ad avere una programmazione più chiara degli eventi su scala globale, non sarà possibile per noi organizzare selezioni.

Abbiamo la tranquillità, comunque, di avere già dei campioni nazionali che possono prendere parte alle prossime competizioni mondiali, non appena sarà possibile organizzarle. Nel frattempo, cerchiamo di proseguire nella nostra missione pianificando e partecipando a diversi contenuti virtuali, tra cui il più recente Sigep Exp”.

Sempre lato eventi, ha dato il suo punto di vista Irene Beretta, per il WCE: “Sul fronte eventi, resta aperta la strada che porta a Taipei al Taiwan International Coffee Show di novembre e che vedrà ospitare i campionati mondiali di Latte Art (WLAC), Coffee In Good Spirits (WCIGS), e Roasting (WCRC). Restano invece in bilico e in attesa di collocazione gli altri campionati del Brewers Cup, il World Barista Championship, World Cup Tasters, e il campionato Cezve/Ibrik. Si stanno vagliando alcune ipotesi per confermare il regolare svolgimento delle competizioni durante il 2021 ma ad oggi non ci sono ancora le condizioni per arrivare ad una conferma finale.”

A chiudere la serie di interventi è stata Stefania Zecchi, membership coordinator Sca Italy

Che ha fornito una panoramica sugli iscritti alla nostra associazione nel corso dell’ultimo anno. “La crisi ha prodotto i suoi effetti anche sull’andamento dei rinnovi delle tessere e delle nuove adesioni. Baristi e piccole aziende sono state le categorie che hanno avuto più difficoltà a rinnovare la propria quota associativa. Gran parte di questo calo nella numerica delle iscrizioni va sicuramente individuato nella cancellazione di Sigep Rimini e delle gare nazionali ospitate dalla manifestazione. Durante tutto il periodo della Fiera si registravano, infatti, il maggior numero di rinnovi da parte di tutti i partecipanti alle gare e nuove adesioni.

I dati delle nuove adesioni e dei rinnovi di marzo 2021 sono comunque positivi

E rilevano l’inizio di una fase di crescita dovuto alla grande richiesta da parte delle aziende e dei consumatori di figure specializzate e professionali anche nel settore del caffè di eccellenza. L’obiettivo di questo Chapter è di lavorare ancora più strenuamente per riconquistare i soci che non hanno rinnovato, organizzando occasioni di incontro on line con la community per divulgare il messaggio dello specialty coffee.”

Durante la riunione, inoltre, è stato confermato che, in accordo con la sede centrale, il mandato del chapter Sca Italy è stato prolungato di sei mesi per consentire ai coordinatori di portare a termine i progetti in essere, inevitabilmente bloccati dal lockdown. Le prossime elezioni si terranno dunque il prossimo ottobre, come già annunciato via mail agli associati da una comunicazione della Specialty coffee association.

La registrazione video dell’Assemblea Generale svoltasi lo scorso venerdì è disponibile su richiesta da tutti i membri in regola che non hanno potuto prendervi parte.

Per qualsiasi informazione al riguardo è possibile contattare communication@scaitaly.coffee.