Home Opinione Come risparmi...

Come risparmiare con l’espresso al bar? A fine mese si può aver speso 60€ in più

Poniamo il caso limite (minimo), perché vogliamo essere buoni, e ipotizziamo di consumare al bar due caffè al giorno. Il costo è più o meno di un euro l’uno, per cui due per trenta giorni al mese fa proprio 60 euro. Naturalmente questo non significa che non bisogna più prendere il caffè al bar...

torino risparmiare
Eliminando i due caffè al bar quotidiani, si risparmia

MILANO – Il 2020 ci ha lasciati tutti un po’ più poveri (e ancora tanto c’è da affrontare) e così abbiamo iniziato a pensare ai modi migliori per risparmiare un pochino sulle spese e sui costi: non si può più andare al bar e questo, soprattutto per chi ha una dipendenza da caffè, potrebbe aiutare con l’esser più parsimoniosi anche sul consumo di questa bevanda. Qualche spunto arriva dal sito proiezionidiborsa.it.

Risparmiare anche sul caffè: come fare

Come è possibile risparmiare facendo piccole rinunce? Ci concentreremo su una sola rinuncia (se si può così definirla) che può aiutarci ad avere più soldi alla fine di ogni mese. Infatti, con questo metodo si possono risparmiare fino a 60 euro al mese. Ciascuno di noi ha le proprie abitudini e gli italiani, si sa, non dicono mai di no ad una tazzina di caffè espresso.

Espresso, lungo, macchiato, decaffeinato, corretto. Comunque caffè

Una tradizione che è parte della nostra cultura: si tratta senza dubbio della bevanda più apprezzata in tutta la Penisola. Andiamo al bar la mattina prima di iniziare a lavorare e prendiamo la prima tazzina. A metà mattina la seconda. E dopo pranzo non si prende? Ed ecco che abbiamo consumato già tre caffè. Magari ne abbiamo anche offerti uno o due.Voilà, cinque euro sono usciti dal borsellino.

Qualche calcolo per risparmiare

Poniamo il caso limite (minimo), perché vogliamo essere buoni, e ipotizziamo di consumare al bar due caffè al giorno. Il costo è più o meno di un euro l’uno, per cui due per trenta giorni al mese fa proprio 60 euro.

Ciò non significa che non bisogna più prendere il caffè al bar. Anche perché, in un momento di crisi come quello attuale, è giusto e forse doveroso aiutare i ristoratori. Tuttavia, è possibile alternare il caffè del bar con la moka di casa. Se siamo dei veri e propri caffeinomani da tre a cinque/sei tazzine al dì, potremmo pensare di bilanciare e cominciare a metterci più attenzione.

La percezione del risparmio

Inoltre, avremo una maggiore percezione del risparmio se mettiamo quelle monete da uno o due euro in un salvadanaio. A fine mese ci troveremo con un bel gruzzoletto che ci permetterà di arrivare addirittura sino a 700 euro all’anno. Ma senza aver gustato nessun espresso al bar!

Con questo metodo si possono risparmiare fino a 60 euro al mese, ma non dimentichiamo di aiutare i commercianti tanto affetti dalla crisi odierna. Con un po’ di equilibrio riusciremo a supportare loro e trarne giovamento anche noi.