mercoledì 21 Febbraio 2024

Restworld e Donnexstrada insieme contro la violenza di genere

Il piano di formazione, gratuito per aziende e collaboratori, prevede la presenza di materiale informativo all'interno del locale stesso. Sensibilizzando in maniera trasversale, si crea una rete di persone attiva contro la violenza di genere

Da leggere

MILANO – Al via la collaborazione fra Restworld e Donnexstrada, associazione non profit contro la violenza di genere e per la sicurezza in strada. Le due realtà si uniscono per il progetto Punti Viola, con l’intento di formare e sensibilizzare il personale del mondo della ristorazione.

La partnership tra Restworld e Donnexstrada

L’obiettivo è creare una rete di luoghi sicuri dove rifugiarsi in caso di pericolo di violenza, chiedere aiuto e ricevere le prime informazioni fondamentali di supporto. Un gesto concreto per contrastare la violenza e per sensbilizzare e formare sulla tematica.

Restworld, che conta una rete di oltre 60.000 professionisti del settore e oltre 500 locali affiliati, vuole contribuire a far crescere la rete dei Punti viola nei territori del nostro Paese e candida bar, ristoranti ed hotel, a diventare un punto viola.

L’iniziativa è rivolta a tutte le attività del mondo della ristorazione, dal piccolo centro abitato alle grandi città, che lavorano a contatto con il pubblico: bar, ristoranti, hotel.

Il progetto include la formazione e la sensibilizzazione sul tema violenza e molestie di tutto il personale impiegato nell’esercizio commerciale. Il piano di formazione, gratuito per aziende e collaboratori, prevede inoltre la presenza di materiale informativo all’interno del locale stesso. Sensibilizzando in maniera trasversale, si crea una rete di persone attiva contro la violenza di genere.

Obiettivo di Donnexstrada è quello di rendere la città sicura ma anche informata riguardo le risorse presenti sul territorio. Perché la sicurezza passa anche attraverso l’informazione

Interviene a tal proposito la creatrice e vicepresidente di Donnexstrada, Laura De Dilectis: “Luoghi pubblici come bar, ristoranti, hotel sono delle importanti risorse che, attraverso la relazione tra cliente ed esercente, possono avere una funzione di collegamento con gli enti presenti sul territorio, che si occupano di violenza”.

Aggiunge anche Luca Lotterio, ceo di Restworld: “Siamo felici di poter contribuire, nel nostro piccolo, a questo progetto. Con l’augurio che sia solamente l’inizio di una lunga collaborazione con Donnexstrada e con altri progetti che sensibilizzano su un tema per noi fondamentale alla crescita di una cultura equa e libera da violenza e discriminazioni”.

Qui il questionario per candidare la propria attività e diventare un punto viola di Donnexstrada.

Ulteriori informazioni sono disponibili cliccando qui.

La scheda sintetica di Restworld

Restworld è la startup fondata nel 2020 da un team di psicologi del lavoro e ingegneri under 30 – Luca Lotterio, Davide Lombardi, Edoardo Conte e Lorenzo D’Angelo – e che si occupa della valorizzazione del capitale umano all’interno dell’ecosistema della ristorazione. Il progetto, che si fonda su 3 principi chiave quali etica, sostenibilità e innovazione, permette l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nella ristorazione tramite una piattaforma digitale.

Ultime Notizie