venerdì 01 Marzo 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Nel Regno Unito le pandemia e la Brexit spingono il consumo di caffè al distributore automatico

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Il self-service è sempre più presente nell’esperienza di consumo dei britannici, anche quando si parla di caffè. Dati recenti danno in forte crescita, nel mercato di oltremanica, il segmento premium del comparto vending e self-service. In questa categoria merceologica rientrano distributori e macchine superautomatiche, che erogano caffè espresso e bevande, a partire da caffè macinato sul momento e latte fresco.

Secondo un’ampia indagine di World Coffee Portal, il parco macchine è raddoppiato dal 2016 a oggi raggiungendo un totale di 14.628 unità a maggio 2021.

Triestespresso

All’origine di questo successo, la migliorata qualità delle bevande prodotte da macchine e distributori automatici.

E, nell’ultimo anno e mezzo, le mutate abitudini di consumo dovute al Covid. Oltre il 20% dei consumatori dichiara infatti di utilizzare maggiormente macchine e distributori da quando è iniziata la pandemia.

Repa

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

CIMBALI M2
  • TME Cialdy Evo
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac