Home Sostenibilità Oltre due mil...

Oltre due milioni di partecipanti alla Grande Sfida Fairtrade 2017

Durante la sua prima edizione, la World Fairtrade Challenge ha riscosso grande successo con il consumo di più di 5 milioni di tazze di caffè Fairtrade.

CONDIVIDI

PADOVA – Quest’anno più di 2 milioni di persone in 20 Paesi si sono riunite per sostenere Fairtrade e la differenza che il sistema di commercio equo certificato sta facendo con gli agricoltori e i lavoratori in tutto il mondo.

Anche l’anno scorso, durante la sua prima edizione, la World Fairtrade Challenge ha avuto successo con il consumo di più di 5 milioni di tazze di caffè Fairtrade.

La Grande Sfida Fairtrade 2017 dal 12 al 14 maggio, in Italia, ha coinvolto 40 mila partecipanti in 122 eventi, pubblici e privati, da Merano a Catania.

Faema
Spreafico

Oltre alle colazioni in casa e sui luoghi di lavoro, sono un centinaio i locali che hanno servito caffè e dolci Fairtrade, con alcune università e gli spazi allestiti della grande distribuzione, sensibilizzando le persone sull’origine delle materie prime, con informazioni sulla filiere, e le condizioni di produzione per una spesa più consapevole.

La competizione italiana fra bar quest’anno è stata vinta dalla Caffetteria Goppion, situata in piazza delle Erbe a Padova, che per tutto il fine settimana ha servito solo caffè Nativo Goppion certificato Fairtrade.

Nella FOTO sotto il titolo: Giorgia della Caffetteria Goppion con il contatore di caffè attivo durante la sfida tra bar.

Nella giornata dedicata alla sfida, sabato 13 maggio, in concomitanza con la Giornata Mondiale del commercio equo, sono state oltre 500 le tazzine consumate dai clienti. Un bel modo di festeggiare i 20 anni dalla nascita della miscela prodotta con varietà provenienti da piantagioni del commercio equo.

La World Fairtrade Challenge ha coinvolto anche i consumatori di Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Germania, Australia, Corea, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Sudafrica, Spagna, Svezia e Stati Uniti.

L’Italia si è classificata sesta per il numero di eventi organizzati, durante i quali sono stati consumati caffè, , zucchero, biscotti, frutta, cioccolato e marmellate del commercio equo certificati Fairtrade.