mercoledì 21 Febbraio 2024

Mercati del caffè: New York in calo, Londra nuovamente vicina ai massimi

Da leggere

MILANO – Cala New York, vola Londra: i mercati del caffè sono sempre sull’ottovolante. Seconda seduta consecutiva al ribasso per l’Ice Arabica, che ha chiuso mercoledì 30 giugno a 159,75 centesimi, cedendo ulteriori 45 punti. Nella seduta di lunedì, la borsa newyorchese aveva chiuso in rialzo di 490 punti, a 162,70 centesimi, non lontano dai picchi di inizio mese. Torna a crescere invece l’Ice Robusta, che ha guadagnato – sempre mercoledì – 30 dollari, risalendo a 1.705 dollari, vicina al massimo pluriennale di 1.711 dollari raggiunto lunedì.

Sul mercato londinese continua a pesare l’incertezza degli approvvigionamenti dal Vietnam. Il paese asiatico è sempre alla prese con problemi logistici legati alla scarsità dei container e alla carenza di spazi sulle navi.

New York ripiega grazie alle buone notizie provenienti dalla Colombia, dove la Federazione dei produttori conferma la ripresa degli imbarchi, anche se – avverte – serviranno mesi per recuperare il tempo perduto. Sull’andamento al ribasso ha inciso anche la debolezza del real, ai minimi settimanali sul dollaro.

In Brasile tiene banco il meteo: rimane alto l’allarme siccità, anche se la situazione appare un po’ migliorata in questi ultimi giorni. Secondo il Servizio meteorologico nazionale degli Usa, il livello delle precipitazioni in Brasile è quest’anno ai suoi minimi dal 1931.

Intanto, Somar Meteorologia lancia un allarme gelate per i prossimi giorni, anche se il rischio appare moderato.

A New York la maggior parte del caffè certificato è brasiliano

Le scorte certificate dell’Ice Arabica sono attualmente vicine ai 2,2 milioni di sacchi: circa il doppio rispetto ai minimi dello scorso autunno.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

Ultime Notizie